Primarie del Partito Democratico, si vota il 3 marzo in 53 seggi

Le bandiere del Partito Democratico

Da Albavilla a Zelbio, passando per Como città dove i seggi saranno 7. La macchina organizzativa per le primarie del Pd, fissate il prossimo 3 marzo, sta ultimando i preparativi per l’appuntamento con gli elettori. In provincia di Como i seggi nei quali si potrà andare a votare sono 53. Ieri nella sede del partito sono state illustrate le modalità di voto e le informazioni utili. Ma prima dei dettagli tecnici, un ragionamento sul significato di questo appuntamento. «Deve essere un momento di rilancio per il Pd perchè è innegabile che nell’ultimo anno la fatica fatta dal partito è stata tanta – dice il segretario provinciale del Pd Federico Broggi – La situazione di difficoltà è naturalmente dovuta anche alla mancanza di un leader che possa guidare un’opposizione forte e costruttiva, soprattutto adesso che l’attuale Governo sta affrontando temi delicati in maniera molto discutibile». Tornando alle primarie va detto che potranno votare tutti i cittadini e gli elettori che hanno compiuto i 16 anni di età. Sarà necessaria una registrazione on line per chi abita fuori sede, per gli studenti, i lavoratori e gli elettori che si troveranno fuori regione. Ma anche per i giovani tra i 16 anni compiuti alla data del 3 marzo e i 18 anni. Infine anche per i cittadini Ue e di altri Paesi con regolare permesso di soggiorno. La registrazione on line si potrà effettuare fino alle ore 12 del 25 febbraio su https://margot.partitodemocratico.it/prei/. «I seggi come detto saranno 53 e coinvolti nella macchina organizzativa ci saranno ben 250 volontari – dice Paolo Panizzolo, responsabile dell’organizzazione del partito comasco -Per votare bisogna poi recarsi al seggio, dalle 8 alle 20, muniti di un documento d’identità e della tessera elettorale nonchè di 2 euro di contributo per le spese organizzative». L’obiettivo è di «eguagliare e magari puntare anche a fare meglio degli 8.500 elettori del 2017 – prosegue Broggi – Certo siamo distanti da cifre record come i 17mila votanti del 2013 ma puntiamo a un miglioramento rispetto al passato recente». I candidati, come noto, sono Maurizio Martina che nelle votazione dei circoli comaschi delle scorse settimane si è piazzato al secondo posto con 167 voti, Nicola Zingaretti, primo con 229 voti e Roberto Giachetti con 102 preferenze.
«Siamo gli unici a fare le primarie e questo per noi è un fattore positivo – conclude Federico Broggi – Anche se ovviamente speriamo di non doverne fare una ogni anno. Adesso è importante ricompattare il partito e fare in modo che il Pd si esponga su certi temi forti». Intanto da qui al 3 marzo «verranno allestiti ancora 8 gazebo tra Como, Erba e Cernobbio», ha detto Arnaldo Chianese, presidente della commissione provinciale per il congresso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.