Primoz Roglic, fermata al Ghisallo in vista del “Lombardia”. Museo del Ciclismo pronto per il grande evento

Antonio Molteni Primoz Roglic

Giornate di grande entusiasmo al Museo del Ciclismo del Ghisallo, il colle caro ai ciclisti che domani ospiterà il passaggio del Giro di Lombardia.
In attesa della gara, sono stati numerosi i ciclisti che nelle ultime ore hanno testato la parte finale del tracciato, che comprende anche Muro di Sormano, Civiglio e Valfresca.
Uno dei grandi favoriti, lo sloveno Primoz Roglic, si è fermato con la sua squadra, il team Jumbo-Visma, al Ghisallo, dove ha ricevuto il benvenuto di Antonio Molteni, presidente della Fondazione Museo.
Per domani il programma sarà molto intenso. Dalle 10.30 alle 16.30 si potrà avere un annullo postale al Santuario per i 70 anni della proclamazione della Madonna protettrice di tutti i ciclisti. Alle 10.30 Don Mansueto Callioni celebrerà una messa per i ciclisti scomparsi e in particolare Felice Gimondi, di cui era amico. La figlia di Gimondi, Norma, tra l’altro salirà in bicicletta proprio al Ghisallo per vedere in diretta il passaggio della corsa (previsto tra le 15 e le 15.30).
Dopo la donazione al Museo di una maglia autografata da Alex Zanardi, alle 11.15 sarà inaugurata la nuova sezione dedicata allo sport paralimpico e infine, il figlio di Vito Taccone consegnerà una bicicletta da gara appartenuta al padre.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.