Quelle rette “inique” pagate dalle famiglie

Vacanze e servizi per disabili

Ricordo che un tempo, ogni anno, nel periodo estivo, una casa famiglia del Comasco organizzava le vacanze per i disabili nella parrocchia di Sestri Levante in Liguria, e fin qui tutto bene, naturalmente.
L’unica cosa che trovo errata e che mi amareggiava, però, è che per gli accompagnatori, all’epoca, la tariffa giornaliera era minore rispetto a quella pagata dai disabili. Questa disparità non mi sembrava giusta nei confronti delle persone inabili e delle loro famiglie.
Gianni Noli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.