Raccolta abiti usati, concessi altri due mesi per rimuovere i cassonetti

palazzo cernezzi

Due mesi di tempo per rimuovere i cassonetti di raccolta degli abiti usati. È questo quanto concesso ai soggetti che si occupano di questo servizio. Un rinvio dunque, rispetto al provvedimento di rimozione disposto da Palazzo Cernezzi che doveva scattare lo scorso primo maggio. I due mesi a disposizione per intervenire si sono rivelati fondamentali e sono il frutto di un cronoprogramma stabilito tra il Comune di Como e i soggetti interessati alla raccolta. Tempo che dovrebbe essere anche sufficiente per la nuova gara. Il bando è infatti già pronto e in attesa, ormai imminente, della pubblicazione che dovrebbe avvenire per l’inizio della prossima settimana. Va ricordato che il Comune aveva chiesto ai gestori della raccolta di rimuovere i cassonetti per i vestiti usati vista la mancata assegnazione delle due gare promosse dal municipio per l’affidamento del servizio. Due gare che non si sono concluse, hanno denunciato nelle scorse settimane i rappresentanti di Civitas, per le richieste economiche del Comune, probabilmente troppo distanti dai parametri del settore. «Come accaduto spesso anche su altri argomenti, con questa amministrazione, dopo la scadenza del primo maggio non si è più saputo nulla – ha detto Bruno Magatti (Civitas) – Noi abbiamo più volte segnalato la situazione anomala e il fatto che si trattava di una realtà complessa e da gestire con la massima attenzione. Adesso il rinvio e l’attesa».
Intanto dal Comune, come detto, sta per arrivare l’imminente terzo bando di gara per l’assegnazione del servizio di raccolta degli abiti usati che dovrebbe portare all’individuazione dei nuovi soggetti responsabili proprio in corrispondenza – questa la speranza del Comune – della scadenza dei due mesi di tempo concessi per la rimozione dei cassonetti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.