Raid Pavia-Venezia, una ripartenza molto attesa: Cappellini e Abbate Jr punte di diamante lariane

Guido Cappellini

Una “classica” che torna dopo dieci anni di stop, con i comaschi ben decisi a recitare un ruolo da protagonisti. Domani, domenica 6 giugno, torna il Raid Pavia-Venezia, una “classica” della motonautica italiana e internazionale che ha peraltro sancito un gemellaggio con un altro importante evento di questo sport, la “Centomiglia del Lario”, che andrà in scena il primo weekend di ottobre.
Nell’ambito delle due competizioni ci sarà una classifica speciale riservata ai piloti di scafi Endurance – con un particolare regolamento tecnico – che prenderanno parte a entrambe le corse. Chi avrà più punti riceverà il trofeo messo in palio dagli organizzatori.

Nel fine settimana, dunque, si inizia con la Pavia- Venezia. La truppa lariana sarà capitanata dal dieci volte campione del mondo di Formula 1 Guido Cappellini, nella foto durante un test, che parte con l’intenzione di aggiungere alla bacheca personale uno dei pochi trofei che nella sua lunga e importante carriera non è riuscito a conquistare. Il suo obiettivo dichiarato è la vittoria, ma non soltanto: l’intenzione è di chiudere primo con il record di velocità.
Con i colori dello Yacht Club Como sarà presente Tullio Abbate Junior, che porta in gara un cognome che ha scritto la storia della motonautica, sportiva e non. Sempre con il sodalizio di viale Puecher ci sarà Daniele Ravaioni, ex rallista che ha scelto di rimanere nel mondo dei motori, cambiando però specialità e togliendosi la soddisfazione di diventare campione del mondo. In lizza sullo stesso scafo, Guglielmo Martinelli, con la madre, Laura Pertusini, ma anche Christian Cesati in gara assieme a papà Simone. Con la mamma, Marilena Piraino, addetta al carrellaggio.

Il Raid Pavia-Venezia, che si snoda su un itinerario di oltre 413 chilometri, quest’anno non partirà da Pavia come da tradizione ma prenderà il via invece da Monticelli d’Ongina in località San Nazzaro (Piacenza), presso la sede della Asd Motonautica San Nazzaro.
Questo spostamento si è reso necessario a causa delle avverse condizioni idrometriche del fiume Po nelle vicinanze di Pavia, che hanno imposto alla Federazione motonautica ed agli organizzatori di trovare all’ultimo momento un luogo adatto per la partenza e che al tempo stesso garantisse il più possibile le necessarie condizioni di sicurezza per i piloti. Partenza, dunque, da Monticelli d’Ongina e arrivo a Brondolo-Chioggia (Venezia) nella stessa giornata. La premiazione finale si terrà nello storico Arsenale di Venezia e sarà l’evento di chiusura del Salone Nautico del capoluogo veneto.

Tra i riconoscimenti speciali della gara, la coppa Teo Rossi di Montelera, assegnata al concorrente che nel tratto cronometrato “Revere-Pontelagoscuro”, lungo 55 chilometri, avrà raggiunto la velocità media più alta.

Il primo Raid si svolse domenica 6 giugno 1929, con partenza alle 4 del mattino e successo finale di Ettore Negri, assistito dal meccanico Luigi Calvi. Con i suoi 400 chilometri era la gara in acque interne più lunga d’Europa. A partire da quella edizione la manifestazione venne effettuata regolarmente e senza interruzioni fino al 1939. Poi, dopo la sosta forzata per la Seconda Guerra Mondiale, la ripresa nel 1952 e, più recentemente un paio di eventi saltati a causa delle carenze idriche dei fiumi Ticino e Po. Ora il ritorno dopo un decennio di sospensione.

Nell’albo d’oro anche un grande nome della motonautica mondiale come il pluricampione del mondo comasco Renato Molinari, primo nel 1973, 1978 e 1979.
Del resto si tratta di una corsa amata dai piloti di casa nostra; tra i “fedelissimi” del passato Palmiro “Nini” Binda, che nella sedicesima edizione, negli anni ’50, si tolse la soddisfazione di conquistare il primo posto di classe. Una affermazione che ancora oggi ricorda con orgoglio.

CLICCARE QUI PER SEGUIRE LA GARA IN DIRETTA

Daniele Ravaioni
Lo scafo che sarà in portato in gara dal lariano Daniele Ravaioni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.