Reddito e pensione di cittadinanza erogati a favore di 7.500 comaschi. L’importo medio ammonta a 426 euro

Inps Como

Reddito e pensione di cittadinanza: il sussidio introdotto dal primo governo Conte viene percepito da 7.500 comaschi, con un importo medio di 426 euro. È quanto emerge dall’analisi degli ultimi dati disponibili che sono stati recentemente diffusi dall’Inps.
Si scopre così che il reddito di cittadinanza viene percepito da 2.978 nuclei familiari comaschi, per un totale di 6.867 persone. L’importo medio del sussidio è pari a 469,14 euro.
Decisamente più basso è invece l’importo medio della pensione di cittadinanza: 216,15 euro, destinato a 587 nuclei familiari per un totale di 658 persone. Ciò significa che, nella maggior parte dei casi, la pensione di cittadinanza è destinata ad anziani che vivono soli e dunque hanno necessità. La Lombardia ha assorbito il 10% delle domande di reddito e pensione di cittadinanza.
È il terzo dato più alto dopo Campania (17,4%) e Sicilia (15,4%). Al Sud si concentra il 55,5% delle domande di sussidio, al Nord il 28,2% e al Centro il 16,3%. A livello nazionale va detto che nel 2019 lo Stato ha versato l’assegno mensile di mantenimento a 1.014.429 famiglie (di queste, a 891mila in forma di reddito e a 124mila in forma di pensione). Le persone interessate sono state quasi 2,5 milioni. In media, il sussidio è stato di 522 euro al mese per il reddito di cittadinanza e di 219 euro per la pensione.
Infine, va ricordato che per richiedere il reddito di cittadinanza bisogna essere cittadino italiano o europeo o lungo soggiornante e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa. Avere un Isee (Indicatore di situazione economica equivalente) aggiornato inferiore a 9.360 euro annui, disporre di un patrimonio immobiliare, diverso dalla prima casa di abitazione, non superiore a 30mila euro e avere un patrimonio finanziario non superiore a 6mila euro che può essere incrementato in funzione del numero dei componenti del nucleo familiare e delle eventuali disabilità esistenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.