Regaliamo libri il prossimo Natale

opinioni e commenti di lorenzo morandotti

di Lorenzo Morandotti

Manca esattamente un mese a Natale, il più atipico mai visto. Sarà un Natale austero, sobrio e intimo (improprio paragonarlo a quelli durante le due guerre dato che i contesti storici e le diseguaglianze sociali erano differenti). Forse sarà  un Natale più spirituale, ricondotto alle sue radici dalla pandemia. L’invito è viverlo in famiglia, limitando i danni per non permettere al 2021 di essere peggio dell’anno che l’ha preceduto. L’invito è anche a regalare cose utili.

Ad esempio libri. Le librerie sono rimaste aperte a differenza del precedente lockdown, molte fanno anche consegne a domicilio e quindi non avete scuse quest’anno per fare un regalo   intelligente. Investire in cultura è una forma di amore. Tra le tante pubblicazioni ne segnalo una non nuova ma purtroppo sempre attuale e che la pandemia permette di leggere in maniera ancora più stringente. Di fronte alla chiusura forzata di musei, teatri, cinema e biblioteche non pochi, oltre ai diretti interessati che ci lavorano, si sono domandati che ruolo abbia la cultura:   è un bene di lusso, che fa mangiare pochi eletti e quindi  non serve?

È   bella e utile ma non possiamo permettercela in tempi emergenziali? I tagli alla cultura non sono un male di oggi. Victor Hugo, che di miserabili si intendeva, tenne due infuocati discorsi contro la falcidie ai bilanci francesi  all’Assemblea costituente, nel 1848 e nel 1849, dichiarando la propria avversione ai tentativi del governo di ridurre le spese per la cultura. Drammatico il suo racconto del suicidio di un amico scultore ridotto in miseria. 

I resoconti sono nel volume edito da Ibis di Como  Contro i tagli alla cultura. Un  libro battagliero, propositivo. Attualissimo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.