Reggio Emilia incombe, per Cantù Natale in palestra

Basket 2020 2021 Cantù Brescia

Giorno di Natale in palestra per la Pallacanestro Cantù, che il 26 dicembre scende in campo a Bologna per il match contro Reggio Emilia. Una situazione quasi paradossale, in un anno particolare come questo 2020.
Negli anni passati, infatti, questa evenienza è sempre capitata, con il rimpianto di staff tecnico e atleti di non poter passare un giorno di festa come il 25 dicembre a casa con i congiunti, e con i tifosi che – magari per riprendersi dopo un lauto pranzo – facevano un giro a seguire la seduta dei loro beniamini. Ora, invece, l’allenamento di una squadra professionista, con l’emergenza sanitaria e i decreti del Governo, diventa una delle poche forme di aggregazione consentita.
Compito non facile, quello di coach Cesare Pancotto in Emilia. Contro la compagine reggiana la squadra deve infatti smaltire la negatività portata dallo stop interno di domenica al PalaDesio con la Germani Brescia.
Una Acqua S.Bernardo che è stata superata dopo un tempo supplementare ma che deve recriminare contro se stessa per i troppi errori fatti, al tiro e non solo, per la gestione sbagliata del finale dei tempi regolamentari e per i pasticci commessi dai suoi giocatori quando invece servivano concretezza e freddezza. Qualità che hanno avuto gli ospiti, che al 45’ si sono imposti per 89-92.
La classifica piange: Cantù è ultima a quota 6 punti alla pari con Fortitudo Bologna, Trieste e Varese. Il prossimo avversario, Reggio Emilia, è invece in quarta posizione.
I brianzoli oggi riprendono gli allenamenti. Domani la seduta sarà doppia, alla vigilia di Natale ritrovo al pomeriggio, il 25 dicembre al mattino. La partenza per l’Emilia lo stesso giorno 26, con la partita programmata alle 20.30.
Sedute utili per far integrare il nuovo acquisto dell’Acqua S.Bernardo, Kavell Bigby-Williams: per il britannico, contro Brescia, 8 minuti in campo, zero punti e nessuna azione degna di nota. A tratti è sembrato spaesato, ma era in Italia da poche ore, quindi con tutte le giustificazioni del caso.
«Abbiamo dato tutto quello che avevamo con grande generosità e anche con grande qualità – ha commentato l’allenatore dei brianzoli, Cesare Pancotto – Purtroppo, poi, quando una partita si assegna a una squadra per particolari, si vanno inevitabilmente a guardare le piccole grandi cose che hanno determinato l’esito del match; in tal senso non posso non menzionare le nostre percentuali ai tiri liberi, la gestione delle palle vaganti e delle palle perse. Questi piccoli grandi dettagli, sommati, hanno certamente fatto la differenza. Peccato perché tenevamo a vincere contro Brescia: abbiamo davvero dato tutto».
Quello di Santo Stefano per Cantù l’ultimo match del 2020. Il 2021 inizierà con l’impegno del 2 gennaio a Desio contro la Fortitudo Bologna allenata dall’ex Luca Dalmonte.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.