Riaperture delle scuole, Più Europa chiede il pooling test

Esami Covid

Dopo l’approvazione a fine luglio di un ordine del giorno ad hoc in Consiglio regionale della Lombardia, il consigliere di Più Europa-Radicali, Michele Usuelli, ritorna sul tema del pooling per il tracciamento dei contagiati da coronavirus e stila un’interrogazione a risposta immediata che rivolgerà all’assessore al Welfare Giulio Gallera martedì prossimo (8 settembre) in aula, per ricevere aggiornamenti in merito.

“Il pooling è una tecnica molto efficace che consente di massimizzare la capacità di testing abbattendo al contempo i costi e il sovraccarico di lavoro dei laboratori (con rallentamento dei tempi di refertazione), senza rinunciare alla accuratezza diagnostica: consente di raccogliere più campioni di saliva o secreto nasofaringeo di persone diverse (fino a 30) e di analizzarli contemporaneamente al costo di uno solo, arrivando a capire più velocemente se c’è qualcuno di positivo all’interno di un gruppo di persone”, ha spiegato Usuelli. Qualora nessuno risulti positivo, quell’ambiente lavorativo o scolastico risulterà Covid Free; solo se il pool risultasse positivo, si procederebbe al test singolo per ognuno dei trenta.

“Posta l’imminente riapertura delle scuole e la densità della popolazione scolastica in Lombardia, è assolutamente prioritario ottimizzare la capacità di testing in modo da avere periodicamente un quadro il più esaustivo possibile della popolazione scolastica e da poter intervenire con maggiore celerità in caso di contagio a scuola. Il pooling potrebbe rappresentare il sistema di monitoraggio dello stato di salute degli alunni e del personale scolastico”, ha detto ancora Usuelli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.