Riqualificazione sismica a Palazzo Terragni

Como, Palazzo Terragni Casa del Fascio 1

Visti i recenti terremoti che hanno lambito anche la provincia di Como, suona provvidenziale l’annuncio dell’Agenzia del Demanio di un’imminente attività di verifica di vulnerabilità sismica e diagnosi energetica che coinvolgerà dieci immobili di pregio in Lombardia, tra cui Palazzo Terragni a Como.
Con un bando a scadenza giugno 2019 era stata pubblicata dall’Agenzia del Demanio una gara dal valore di oltre 2 milioni di euro per la riqualificazione sismica di 10 immobili statali in Lombardia.
Tutti beni dal grande valore storico, artistico e architettonico: 7 a Milano e altri 3 nelle città di Legnano, Como e Lecco. Tra questi, anche Palazzo Terragni a Como, conosciuto come ex Casa del Fascio. L’edificio è stato costruito nel 1932 e rappresenta uno dei più interessanti esempi del Razionalismo italiano. All’interno della struttura si trovano attualmente gli uffici del Comando provinciale della Guardia di finanza.
Alla gara hanno partecipato 16 imprese e gli step necessari alla valutazione delle offerte e all’assegnazione definitiva dell’appalto sono stati effettuati in modo da poter avviare le indagini. L’appalto, nel dettaglio, comprende i servizi di ingegneria e architettura finalizzati all’acquisizione di tutti gli elementi tecnico-amministrativi necessari alla gestione e alla successiva programmazione della manutenzione. Al centro dell’attenzione vi sono le prestazioni strutturali ed energetiche che vengono valutate attraverso indagini di vulnerabilità sismica e audit energetico. Altro fattore da valutare è la progettazione di fattibilità tecnico-economica degli interventi strutturali.
Tutti i servizi, che verranno effettuati e consegnati in circa cinque mesi, saranno svolti con metodologia Bim (Building Information Modeling) sia in fase di rilievo dei beni che in quella progettuale.
Tra i beni contenuti nel bando ci sono la Caserma Sirtori a Lecco, Palazzo Italia a Legnano, Palazzo Arese Litta e il Conservatorio di Musica “Verdi” di Milano.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.