Risorge l’ex tintostamperia Valmulini

Conferenza stampa progetto mostra: “Rigenerazione urbana tintostamperia della Val Mulini”. Mostra collettiva Pick Clique

Mostre fotografiche ma anche eventi teatrali e dibattiti per dare nuova vita e nuova linfa a una fetta di Como. L’ex tintostamperia della Val Mulini, dismessa da anni, si rianima grazie all’entusiastica cooperazione dei proprietari, la famiglia Cannavale: Confcooperative Insubria, in collaborazione con il consorzio Abitare e il programma Generazioni, recupera lo spazio a lato di via Napoleona, a Como, per organizzare mostre fotografiche, spettacoli teatrali, dibattiti e iniziative artistiche.
Un riuso temporaneo per ospitare iniziative di arte, con installazioni di arte contemporanea, fotografia, con gli scatti di Gin Angri, maestro della fotografia comasca e artista di fama internazionale, e anche teatro, con il calendario della cooperativa AttivaMente.
«Il tentativo – spiega Patrizio Tambini, vicepresidente di Confcooperative Insubria intervenuto ieri mattina alla presentazione dell’iniziativa – è dare nuova vita a strutture come questa, che hanno rappresentato un alto valore storico per la nostra città dal punto di vista sociale, economico e lavorativo».
«La nostra è una prospettiva anche più ampia – aggiunge Bruno Rampoldi, amministratore delegato del consorzio Abitare – Vogliamo verificare le condizioni per una rigenerazione completa che, nei prossimi anni, potrà restituire a Como un luogo di straordinario valore».
«Dobbiamo impegnarci a trovare strategie nuove e coraggiose per le sfide che pone questo momento storico – conclude Patrizio Tambini – e l’iniziativa della Val Mulini va esattamente in questa direzione con soluzioni sostenibili e di qualità».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.