Rogo Delhi innescato da corto circuito

In fabbrica dove dormivano operai

(ANSA) – NEW DELHI, 8 DIC – E’ stato un corto circuito in piena notte a innescare il violento incendio, che, da una fabbrica di zainetti scolastici dove, a quanto pare, dormivano diverse persone, forse operai, è rapidamente dilagato con fumo nero e fiamme nel resto di uno stabile della città vecchia di Delhi, che ospita un mercato coperto di cereali, lasciando sul terreno almeno 43 morti. E’ quanto rivelano le autorità, spiegando che i vigili del fuoco non riuscivano ad avvicinarsi all’edificio, che sorge in un labirinto di vicoletti stretti e ingombri, e hanno usato gli idranti da decine di metri di distanza. I familiari delle vittime hanno dovuto riconoscere i cadaveri di alcuni dei loro cari da foto scattate al cellulare dai vigili del fuoco. Le autorità indiane starebbero indagando se la fabbrica, da cui sono partite le fiamme, fosse illegale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.