Addio “Balocchi”, per Como un Natale light

città dei balocchi, luci balocchi, giostra balocchi, pista del ghiaccio

La “Città dei Balocchi” edizione 2020 non verrà organizzata. Il Consorzio Como Turistica che fa capo agli “Amici di Como” ha deciso di non partecipare al bando comunale in scadenza giovedì scorso. Evidentemente, il clima di incertezza legato al Covid-19 ha spinto gli organizzatori a fare un passo indietro, per la prima volta in 26 anni.
«Ho appreso della decisione del Consorzio Como Turistica di non presentare offerte per il bando 2020 ma ancora non sappiamo se altri soggetti abbiano partecipato. Il bando prevedeva giovedì scorso l’ultima data per l’invio dell’offerta sull’apposita piattaforma telematica – ha commentato ieri l’assessore al Commercio del Comune di Como Marco Butti – Se qualcuno si è presentato quindi lo scopriremo lunedì prossimo, tra due giorni, quando tornerà in ufficio il dirigente incaricato della procedura, l’unico dotato di apposita chiave elettronica per accedere alla piattaforma informatica del bando stesso. A giugno e luglio due soggetti interessati a organizzare gli eventi di Natale avevano contattato il Comune di Como, ma ancora non sappiamo se hanno partecipato al bando in forma telematica come previsto dal regolamento. Il mio pronostico però è che nessuno si sia presentato. Lo verificheremo in Comune tra 48 ore».
Qualora il bando fosse andato deserto, il Comune si attiverebbe per una sorta di piano B, una manifestazione molto più sobria.
«Settimana prossima, giovedì, in giunta presenteremo due ipotesi per il Natale 2020, da considerare in caso di bando deserto – continua Butti – purtroppo da Roma non abbiamo linee guida dettagliate sugli eventi, regna totale confusione. E pensare che si parla persino di riaprire gli stadi. Quel che è certo che sarà un Natale in versione light per le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria. Comunque, la volontà di fare qualcosa a Natale non è solo di Como ma di tutta Italia, anche Milano si sta attrezzando con un bando specifico e noi abbiamo condiviso con l’assessorato alla Cultura e al Turismo di Palazzo Cernezzi questo ventaglio di proposte alternative che andremo a proporre in giunta giovedì prossimo, sperando che per il 2021 il Covid sia solo un brutto ricordo e potremo tornare a manifestazioni più impegnative e si possa presentare un bando più esteso per le manifestazioni natalizie».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.