Aggressioni in corsia, la protesta degli infermieri di Como

Il presidio degli infermieri davanti alla Prefettura di Como per protestare contro la mancanza di sicurezza e le aggressioni subite negli ospedali (foto Nassa)
Il presidio degli infermieri davanti alla Prefettura di Como per protestare contro la mancanza di sicurezza e le aggressioni subite negli ospedali (foto Nassa)

Chiedono maggiore sicurezza per tutti gli operatori e un tavolo di confronto regionale le rappresentanze sindacali dell’Asst Lariana che hanno organizzato un presidio sotto la Prefettura di Como per denunciare la mancanza di un’adeguata sicurezza negli ambienti di lavoro a seguito di ripetuti atti di violenza subiti in ospedale.

Le delegazioni sindacali hanno incontrato anche il prefetto, Bruno Corda.

Nel testo della petizione lanciata anche online con l’hashtag #nonlasciateci – soli si chiede formazione adeguata per gestire situazioni di emergenza e assunzione di nuovi addetti. Mozioni entrambe accolte dal prefetto.

Le Rsu vorrebbe inoltre un tavolo di sicurezza regionale. «L’Asst Lariana è da tempo impegnata ad affrontare il problema – fanno sapere dall’ospedale Sant’Anna – Abbiamo realizzato una campagna per promuovere il rispetto degli operatori, aumentato le telecamere, lavorato con sindacati e Ufficio legale per la tutela dei dipendenti, promosso corsi di formazione. Collaboreremo con i sindacati».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.