Altri 500mila euro per il “Patria”

Polemiche a Villa Saporiti
L’assestamento di bilancio, operazione contabile prevista dalla legge alla fine di ogni anno solare, ha permesso alla Provincia di raschiare dal fondo del barile finanziario i soldi necessari a una serie di interventi in programma da tempo ma rimasti sinora al palo.
Grazie ai 2 milioni “girati” a Villa Saporiti dal Casinò di Campione e ai maggiori incassi di imposte e tasse, la Provincia ha stanziato fondi per Brienno (360mila euro), per la Protezione civile (290mila euro) e per opere idrauliche comunali (200mila euro che saranno “raddoppiati” grazie a un accordo con la Fondazione Comasca). Trovati anche 62mila euro, chiesti dall’assessore Sergio Mina, per dare il via alla variante alla Briantea.
Polemiche aspre sono però esplose sulla decisione di destinare mezzo milione di euro per completare il restauro del “Patria”. Il capogruppo di Rifondazione, Renato Tettamanti, ha chiesto che gli stessi soldi venissero dirottati nel capitolo lavoro, «per coprire i bisogni delle drammatiche crisi aziendali in corso sul nostro territorio».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.