Arte tessile internazionale, tutto pronto per “Miniartextil”

Nervescape VIII by Shoplifter Hrafnhildur Arnardottir at Kiasma, Finland, 2019. Image by Petri Virtanen.

Tutto pronto per l’edizione 2019 di “Miniartexti”. la ventinovesima, e già si lavora per il trentennale del 2020. La mostra di fiber art internazionale si intitolerà “Pop Up” e si terrà dal 29 settembre al 17 novembre nelle due sezioni “Maxi” e “Mini” dislocate nella sede storica della ex Chiesa di San Francesco e nella ex Chiesa di San Pietro in Atrio, a Como. Nome di punta dell’intera collettiva di arte contemporanea sarà SHOPLIFTER, all’anagrafe Hrafnhildur Arnardóttir. L’artista che vive a New York sarà presente in contemporanea a Miniartextil a La Biennale di Venezia n. 58 a rappresentare il proprio paese natale, l’Islanda, nazione celebrata in uno dei padiglioni più interessanti. Non è però questo l’unico esempio di collaborazione fra Miniartextil e La Biennale; in passato diversi artisti transitati sulle sponde del Lago di Como sono poi approdati in Laguna: è il caso di Maria Lai, a Como nel 2004 e nel 2015 e il cui genio viene ininterrottamente celebrato dalla Biennale 2017 o El Anatsui, a Miniartextil in due occasioni e premiato con il Leone d’Oro nel 2015 o ancora l’artista concettuale cinese Liang Shaoji. Ultimo, il caso di Joel Andrianomearisoa, in mostra a Como nel 2017 e nel 2019 chiamato a rappresentare la sua nazione, il Madagascar. Shoplifter avrà però compagni di viaggio altrettanto famosi; è il caso del maestro giapponese Akio Hamatani che già nel 2006 si rese protagonista grazie a una grande opera realizzata in rayon all’esterno dello Spazio Mantero. Ancora dal Giappone arriveranno Naoe Okamoto, Takaaki Tanaka e Yasuaki Onishi: quest’ultimo romperà gli spazi della ex Chiesa di San Francesco con Edge of Space, strutture in plastica gonfiabile alte quattro metri.

Lo scorso mese di maggio si è riunita una giuria internazionale che ha selezionato i 54 attesi minitessili dell’edizione 2019; accanto a questi, sono stati selezionati altri 30 minitessili che saranno protagonisti di una singolare mostra fuori Miniartextil grazie a un progetto di cultura diffusa realizzato in collaborazione con gli Assessorati alla Cultura e al Commercio del Comune di Como.

Eventi collaterali alla mostra si svolgeranno nei mesi di ottobre e novembre in collaborazione con importanti Istituzioni culturali di Como come la Fondazione Antonio Ratti e il Museo della Seta.

Intero 7 euro, ridotto 5 euro, gratis under 10 e disabili.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.