Autosilo Valmulini vuoto nonostante gli ingorghi. E fuori dalla struttura spunta una discarica

alt L’altra nota dolente
Mentre in via Napoleona regnava il caos, nell’autosilo della Valmulini, eterna soluzione per i problemi di parcheggio in città – almeno in base a quanto sostenuto in più occasioni dalla giunta Lucini – le auto parcheggiate erano sempre poche. Come ormai consuetudine da anni – per la precisione da quando l’ospedale Sant’Anna si è trasferito a San Fermo della Battaglia – la mastodontica struttura circolare è pressoché sempre vuota.
Ieri mattina, fatta eccezione per il quinto piano, ovvero

quello a ridosso del tunnel che porta alla cassa, erano decisamente poche le vetture in sosta. Da tempo infatti questa struttura multipiano viene occupata, soprattutto nelle ore mattutine, da quanti si recano nel vecchio ospedale per degli esami. Chiusi i laboratori e gli studi medici presenti, l’autosilo si svuota. E così è stato anche ieri. Un panorama poco confortante che è diventato addirittura desolante una volta usciti dall’autosilo. In via Valmulini, infatti, da qualche tempo è presente una vera e propria discarica a cielo aperto dove giacciono rifiuti di ogni tipo: televisori, immondizia e persino sanitari di un bagno, tutti buttati in mezzo a una piccola piazzola di sosta. Un luogo già segnalato in passato, poi ripulito ma ora nuovamente come prima.
Tornando però alla questione parcheggi, per chi invece si fosse diretto in città – ferma restando la chiusura ormai annosa del parcheggio Ticosa – una possibilità era quella di deviare sull’autosilo di via Castelnuovo, altra struttura spesso indicata come sottoutilizzata.
Ieri mattina, però, nel parcheggio multipiano, le auto erano abbastanza numerose. Segno che, forse – più ancora che per l’autosilo della Valmulini – qualche speranza di riempire le strutture meno utilizzate ancora esiste. Basterebbe, forse, una migliore pubblicità e indicazioni più chiare rispetto alle attuali.

F.Bar.

Nella foto:
Il desolante spettacolo che offriva ieri mattina via Valmulini, a due passi dall’omonimo autosilo, con una vera e propria discarica a cielo aperto (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.