Barattoli di cocaina nascosti nei boschi di Campione d’Italia. Fermati due albanesi

Carabinieri

Barattoli di cocaina, pronta per essere venduta, nascosti nei boschi di Campione d’Italia. Sono stati scoperti dai carabinieri della locale stazione dell’enclave, che hanno fermato due giovani albanesi, in Italia senza fissa dimora, accusati di produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti. Un 23enne e un 29enne sono stati trasferiti in carcere al Bassone.
I militari dell’Arma del nucleo di Campione sono intervenuti ieri sera, dopo aver notato gli atteggiamenti sospetti dei due. I carabinieri li hanno fermati per un controllo. La perquisizione personale e dell’auto non ha portato alla luce nulla di anomalo, ma le forze dell’ordine hanno deciso di procedere anche con un controllo nella dimora degli albanesi, nell’enclave e qui hanno scoperto e sequestrato materiale per il confezionamento delle dosi e anche 2.100 franchi svizzeri, telefoni cellulari e schede telefoniche.

I carabinieri hanno proseguito quindi con i controlli nella zona boschiva in cui avevano notato i movimenti sospetti degli albanesi, nella zona del Santuario della Madonna dei Ghirli. Nascosti sotto la terra, i militari dell’Arma hanno scoperto due barattoli contenti complessivamente 320 grammi di cocaina.

I due albanesi sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto e trasferiti in carcere al Bassone. I carabinieri del nucleo di Campione già alla fine dello scorso anno avevano portato a termine un’operazione antidroga nella zona boschiva dell’enclave.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.