Blitz anti ’ndrangheta sullo Stretto: perquisizione a Montano Lucino

Direzione investigativa antimafia Dia

È considerato dall’Antimafia di Reggio Calabria uno degli esponenti di spicco della ’ndrangheta nella città di Reggio, per conto della cosca Libri. Risultava residente nella città sullo stretto, ma il realtà era domiciliato a Montano Lucino, dove viveva anche la compagna. La casa, nella notte tra martedì e mercoledì, è stata passata al setaccio dalla squadra Mobile di Como, in supporto ai colleghi calabresi e allo Sco della polizia di Stato, in esecuzione di una serie di ordinanze di custodia cautelare chieste e ottenute dalla Dda reggina. Nel mirino è finita la malavita che imperversava con estorsioni e attività illegali nel centro della città calabrese. Sono 21 gli arrestati, con perquisizioni che hanno toccato Reggio Calabria, ma anche il Comasco e Roma, Milano, Napoli e Pesaro Urbino. Nella provincia di Como avrebbe gravitato Edoardo Mangiola, 40enne (arrestato però in Calabria), cui vengono contestate l’associazione mafiosa, una estorsione e una tentata estorsione.
Le indagini hanno riguardato le faide interne alle cosche per la spartizione dei proventi dei “pizzi” all’interno della città sullo stretto. Il 40enne domiciliato a Montano Lucino avrebbe preso parte anche a importanti summit, in cui la cosca Libri si confrontava con esponenti della cosca De Stefano. Intercettazioni avrebbero lasciato trapelare i temi degli incontri, ovvero una diversa spartizione dei profitti e nuove attività criminose, nell’ottima di ottimizzare i ricavi delle estorsioni. Secondo la Dda di Reggio, Mangiola avrebbe avuto in mano la gestione delle risorse umane della cosca Libri, guidando anche direttamente un quartiere cittadino, quello di Spirito Santo. Tra le accuse anche una estorsione da 5mila euro in danno di un imprenditore che al momento non sarebbe stato individuato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.