Blitz nel bosco: preso mentre confeziona le dosi

Carabinieri

Il punto indicato per introdursi nella boscaglia, oppure per attendere l’arrivo dello spacciatore con la dose richiesta, era il cartello del limite dei 50 chilometri orari in via per Gironico, nel territorio comunale di Montano Lucino. Il bivacco dello spacciatore era però nascosto nella boscaglia. I carabinieri della stazione di Lurate Caccivio lo sapevano, e domenica mattina – intorno a mezzogiorno – si sono mimetizzati tra le piante e poi sono saltati fuori arrestandolo. L’uomo, un 23enne marocchino, non ha fatto in tempo ad accorgersi di nulla, intento come era a confezionare le dosi della giornata da spacciare. Nelle mani dei militari sono così rimasti un “sasso” da 48,6 grammi di cocaina, più le altre dosi che lo straniero aveva già confezionato rispettivamente di 6 e 8 grammi. Sequestrato anche il contante che lo spacciatore nascondeva, ovvero 570 euro e 140 franchi svizzeri.
L’uomo è stato portato al Bassone e la segnalazione dell’arresto è stata girata alla pm di turno in Procura a Como. I carabinieri hanno poi ascoltato tutti quegli acquirenti cui il 23enne aveva dato appuntamento al cartello con il limite dei 50 chilometri orari. Uno di questi, addirittura, arrivava da Colico e doveva acquistare la dose della domenica per sè e per la moglie. Al suo arrivo, dopo più di un’ora di viaggio, ha però trovato ad attenderlo i carabinieri di Lurate Caccivio. Lui, come tutti gli altri acquirenti, sono stati segnalati al prefetto di Como in quanto assuntori di stupefacenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.