Bulgaria: nuove proteste contro governo, sale tensione

Piazza vuole dimissioni premier Borissov e procuratore

(ANSAmed) – SOFIA, 10 SET – Cresce la tensione in Bulgaria a causa della crisi politica iniziata due mesi fa. Nella capitale Sofia e in diverse altre grandi città del Paese si sono svolte oggi per il 64/mo giorno consecutivo nuove proteste popolari per chiedere le dimissioni del premier conservatore Boyko Borissov e del procuratore generale Ivan Ghescev, ed elezioni anticipate. Quelle regolari sono in agenda la primavera prossima. I due sono accusati dai manifestanti di corruzione e abuso di potere, e di fare gli interessi degli oligarchi e della mafia e non dei cittadini. I manifestanti si sono radunati stamane intorno alla nuova sede del parlamento a Sofia – l’edificio dell’ex Comitato centrale del Partito comunista bulgaro all’epoca del totalitarismo – dopo aver superato i numerosi check point della gendarmeria e dei reparti antisommossa. Le forze dell’ordine perquisivano borse e zaini delle persone in arrivo. Sono stati arrestati sei manifestanti. Uno di essi portava due pistole ad acqua e uno spray al peperoncino per difesa personale. Una donna si è lamentata con i giornalisti per il fatto che la polizia le ha confiscato la bomboletta del deodorante che portava in borsa. I manifestanti hanno sbandierato un tricolore della repubblica bulgara lungo 50 metri, scandendo "Borissov, sei una vergogna!" e "Fuori i mafiosi dal parlamento!". "Impudente, cinico e, ultimamente, spaventato, rendendosi conto che sta per essere sgominato da tutte le scene, Borissov ha indossato la maschera di un burattinaio, sebbene i burattinai siano altri" – ha detto in un’intervista all’agenzia Bgnes il regista bulgaro Petar Popzlatev. "Le proteste antigovernative non radunano in piazza trafficanti o mafiosi, ma comuni cittadini che chiedono la restituzione del proprio Paese", ha detto da parte sua su Facebook il presidente bulgaro, Rumen Radev, commentando le dichiarazioni fatte ieri dal premier Borissov, secondo il quale "la mafia" starebbe premendo per le dimissioni sue e del governo". "Il cambiamento è inevitabile, ogni testardaggine del governo può solo inasprire la crisi", ha affermato Radev. In serata nuove proteste in tutto il Paese. (ANSAmed).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.