Campione, un tecnico al tavolo del 4 settembre
Cronaca

Campione, un tecnico al tavolo del 4 settembre

Molteni: «Il governo cerca una soluzione definitiva». Tre i ministeri coinvolti: Interno, Sviluppo ed Economia e Finanze

«È un’infamia dire che il governo non si stia occupando della questione di Campione d’Italia». Il deputato canturino Nicola Molteni, sottosegretario all’Interno, risponde in modo netto alle critiche mosse in questi giorni da chi sostiene che il “caso” Campione non trovi spazio nell’agenda dell’esecutivo nazionale.

«Stiamo lavorando a una situazione complicatissima e delicatissima – dice Molteni – Una vicenda che vede coinvolto un Comune in dissesto finanziario e un’impresa di medie dimensioni in crisi dopo una sentenza di fallimento». Sino a questo momento non ci sono state dichiarazioni ufficiali, spiega il sottosegretario, perché «nessuno sarebbe in grado di indicare responsabilmente una via d’uscita percorribile e definitiva. Stiamo valutando molte cose e su Campione sono al lavoro tre ministeri: l’Interno, l’Economia e lo Sviluppo».

Sin dal primo momento il governo ha affidato a un altro sottosegretario della Lega, il varesino Stefano Candiani, il dossier sul fallimento della casa da gioco. Ma la questione, come detto, non interessa soltanto il Viminale.

«La nostra prima preoccupazione riguarda i lavoratori e i cittadini dell’enclave – dice ancora Molteni – per questo chi afferma che il governo se ne frega sbaglia o è in malafede. Personalmente comprendo l’ansia di chi ha perso il lavoro o non riceve da mesi lo stipendio, ma è anche vero che per Campione non si può trovare una soluzione provvisoria. Proprio perché siamo di fronte a una situazione straordinaria è necessario valutare molti fattori».
Molteni annuncia di voler incontrare il prefetto Ignazio Coccia ma esclude che al tavolo del 4 settembre possa esserci un rappresentante “politico”. Il governo invierà sicuramente un tecnico.
Una scelta che probabilmente non piacerà troppo al sindacato. Ieri sia i tre sindacati confederali sia le Rsu del Casinò hanno auspicato la presenza di Candiani alla riunione convocata in Prefettura per martedì prossimo. Il sindacato insiste sull’importanza «di conoscere nel prossimo incontro le intenzioni governative circa la riapertura della casa da gioco», considerata quale «unico vero sostentamento economico» del paese e «sulla quale si devono trovare al più presto garanzie per tutti».

1 settembre 2018

Info Autore

Dario Campione

Dario Campione dcampione@corrierecomo.it


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Campione, un tecnico al tavolo del 4 settembre”

  1. Chiedere che lo Stato intervenga con soldi pubblici non mi sembra corretto, senza contare poi che politicamente l’eventuale salvataggio pubblico determinerebbe pesantissime critiche.
    L’unica strada è che la procedura trovi un acquirente estero del ramo a cui affidare la gestione della casa da gioco che sicuramente certo interverrà pesantemente sul costo del lavoro e sul numero dei dipendenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto