Cantù a Bologna contro la Virtus: l’esordio con una “classica” del basket tricolore

CantùVarese 2020

Trasferta a Bologna contro la Virtus per l’Acqua S.Bernardo Cantù, che dopo quasi otto mesi torna a disputare una partita di campionato. L’esordio per la formazione guidata da coach Cesare Pancotto sarà oggi alle 19 alla Segafredo Arena, contro una delle squadre più forti sulla scena: gli emiliani sono considerati i principiali interlocutori della favorita Olimpia Milano nella lotta per lo scudetto.
«La storia e la rivalità con la corazzata bolognese impongono a Cantù di provarci, senza nulla da perdere», dicono alla vigilia del match i biancoblù. La sfida tra i brianzoli e le “V nere” è una grande “classica” del basket italiano. I confronti totali tra le due formazioni sono 165: Bologna ha vinto 93 volte contro le 72 dei canturini.
A causa dello stop del campionato per l’emergenza Coronavirus, lo scorso anno la gara di ritorno non era stata giocata, mentre quella di andata, disputata il 1° dicembre del 2019 aveva visto gli emiliani imporsi per 89 a 70. Proprio la Virtus, peraltro, al momento del blocco guidava la classifica.
«Inizia un campionato anomalo, con incognite legate al Covid e al pubblico – ha detto alla vigilia coach Pancotto – Prevedo una competizione dura, competitiva e affascinante».
Come Pallacanestro Cantù partiamo con il senso della sfida – ha aggiunto il 65enne allenatore – con molti nuovi elementi, giovani, che si affacciano al palcoscenico della serie A. Tante scommesse fatte lo scorso anno sono state vinte, a noi il compito di ripeterci. Dobbiamo andare a cercare certezze e fiducia».
Allenatore di Bologna è il serbo Aleksandar “Sasha” Djordjevic, un grande del basket europeo. In sede di presentazione l’allenatore della Virtus ha avuto parole di grande rispetto per l’Acqua S.Bernardo e il suo tecnico. «Per noi quella contro Cantù è una partita molto importante, come lo è qualsiasi match che segna l’inizio di un campionato – ha detto – Da parte nostra servirà attenzione: coach Pancotto ha avuto il tempo di preparare bene questo match. Dobbiamo essere pronti sotto il profilo tattico per affrontare ogni situazione inaspettata che si potrebbe presentare».
I bolognesi sono reduci dalla finale di Supercoppa persa con Milano. «Il precampionato è stato anomalo per come è stato strutturato – conclude il tecnico di Bologna – Noi abbiamo disputato molte gare, fino alla finale, un eccesso che non ci aiutato, visto visto che puntiamo su allenamenti tosti e sulla preparazione fisica».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.