Sport

Cantù, il pessimo inizio è dimenticato. Jefferson: «Voglio vincere ogni gara»

«Sono felice di essere stato votato come migliore giocatore di giornata da così tanti tifosi italiani, non me l’aspettavo. Questo è un piccolo passo in avanti per me. Detto ciò, il mio obiettivo resta sempre lo stesso: vincere le partite. Conta solo quello». È felice Davon Jefferson, ala grande in forza alla Red October Cantù, votato dagli appassionati di basket come Mvp del terzo turno di serie A di basket. La scorsa settimana l’onore era toccato a un altro americano della squadra di coach Evgeny Pashutin, Ike Udanoh.
Per i brianzoli le prospettive sono decisamente cambiate. La sconfitta all’esordio ad Avellino era giunta dopo l’eliminazione dalla Champions League europea; poi la vittoria interna con Trento e, sabato sera, la netta affermazione di Cremona contro quella che era la rivelazione dello scorcio iniziale della serie tricolore.
E c’è già forte attesa per il prossimo match, con Cantù che tornerà al PalaDesio: domenica prossima alle 17 è attesa Reggio Emilia. I brianzoli ora sono terzi nella classifica di serie A, alle spalle del duo di testa composto da Venezia e Milano.
Reggio Emilia finora ha ottenuto soltanto una vittoria ed è reduce dalla sconfitta interna (85-98) con Torino.
E al match contro gli emiliani sta già pensando l’allenatore Evgeny Pashutin. «A Cremona mi è piaciuto vedere la squadra solida in difesa per tutti i 40’ e, soprattutto, vedere che ognuno aveva voglia di sacrificarsi per il compagno – ha detto il tecnico russo – L’obiettivo di Cantù è e sarà sempre quello di pensare partita per partita, cercando ogni volta di correggere gli errori fatti per evitare di ripeterli nella gara successiva. Quindi stiamo già pensando alla prossima sfida».
«Detto ciò – conclude – sono ovviamente molto contento perché a Cremona abbiamo giocato di squadra, senza mai perdere il controllo della gara. Tutti avevano gli occhi della tigre».
«La squadra sta crescendo e sta cominciando a capire ciò che vuole coach Evgeny Pashutin – spiega il viceallenatore Nicola Brienza – Proviamo a vedere quali saranno i risultati, gara dopo gara».
«È ancora presto per parlare del nostro valore in campo ma sappiamo di avere una squadra con qualità – ha aggiunto – Dobbiamo mettere da parte egoismi e cose varie, andando tutti insieme nella stessa direzione, uniti. Solo così potremo raccogliere qualche soddisfazione».
Sulle prospettive del club Nicola Brienza afferma: «Abbiamo tutto per disputare una stagione tranquilla, che per noi vorrebbe dire provare a giocarcela per conquistare un posto nei playoff. Questo sarebbe indubbiamente un bel risultato, ne saremmo tutti contenti».
I biglietti per la sfida contro la Grissin Bon Reggio Emilia sono già in vendita al “Blackcourth Store” di Fabio Borghi a Cucciago (via Leonardo Da Vinci 2, fronte Palasport Pianella), nei punti vendita autorizzati Vivaticket e online su www.vivaticket.it. I tagliandi non possono essere acquistati presso la sede di Cermenate.
Domenica 28 ottobre la biglietteria del PalaDesio aprirà alle 15.

Evgeny Pashutin
Evgeny Pashutin soddisfatto dopo la vittoria di Cremona
24 ottobre 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


UN COMMENTO SU QUESTO POST To “Cantù, il pessimo inizio è dimenticato. Jefferson: «Voglio vincere ogni gara»”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto