Cantù, netta sconfitta nella trasferta con la Reyer Venezia

I giocatori canturini

Nulla da fare in Laguna per la Pallacanestro Cantù. Per i brianzoli,  impegnati contro i campioni d’Italia della Reyer, è arrivata una secca sconfitta. La Reyer si è infatti imposta per 107-83. I veneti hanno chiuso in vantaggio nel primo quarto (28-16) e poi hanno di fatto mantenuto e consolidato la distanza rispetto agli uomini di coach Marco Sodini. Per gli ospiti i migliori marcatori sono stati Randy Culpepper (18 punti) e Charles Thomas (15).

In classifica Cantù è ora all’ottavo posto, alla pari con Trento e Cremona. Nel prossimo turno,  domenica 25 marzo, nuovo match con una squadra di vertice: a Desio arriva infatti la Fiat Torino.

«In una serata come questa – ha detto alla fine Marco Sodini, come riporta il sito Internet della Pallacanestro Cantù  – credo non sia neanche necessario guardare le statistiche. Venezia ha messo in campo tanta energia, dall’inizio fino a tutta la durata della partita. Ci siamo subito incartati per conto nostro, ci siamo intristiti, e questa cosa non ci era mai successa. Con l’eccezione della debacle di Varese, la mia squadra non ha mai preso con più di venti punti nell’arco di tutto il campionato. In campo questa sera si è vista una gran differenza di intensità, arrivavamo in ritardo su tutti i palloni. Se vogliamo provare a toglierci delle soddisfazioni, che potremmo anche esserci meritati per la stagione che abbiamo fatto, non possiamo permetterci un atteggiamento di questo tipo. Abbiamo fatto tantissima fatica in qualsiasi situazione. Ora dobbiamo analizzare la nostra partita, lavorando sulle nostre lacune. Dobbiamo cancellare questa partita anche perché adesso ci aspetta un ciclo di ferro nelle prossime 4 gare. Non dobbiamo ricompattarci perché non è questo il problema, dobbiamo soltanto riuscire a recuperare la nostra aggressività ed il nostro brio. Non siamo riusciti ad accenderci, malgrado tutto ed al di là del rammarico, dobbiamo resettare e guardare avanti».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.