Cantù, oggi l’ultimo atto della stagione: a Desio è ospite Sassari

Piero Bucchi Pallacanestro Cantù

Una partita nella sostanza inutile per chiudere la stagione della Pallacanestro Cantù. Questa sera – inizio fissato alle 20.45 – i brianzoli attendono al PalaDesio la Dinamo Sassari. L’Acqua S.Bernardo è già retrocessa in serie A2 – e può soltanto sperare in un ripescaggio nei prossimi mesi – mentre per i sardi rimane da decidere la posizione nella griglia dei playoff.
«Siamo veramente molto dispiaciuti e amareggiati – spiega Piero Bucchi, allenatore dei canturini, alla vigilia dell’incontro – In più sono un po’ frustrato perché avrei voluto essere l’artefice del mio destino fino in fondo. Quelle tre settimane in cui sono rimasto fuori per il Covid mi pesano molto. Queste sono cose che non si possono controllare ma purtroppo solo subire. Ho avuto modo di lavorare con una società seria, organizzata e composta da persone mosse da una grande passione e da un grande attaccamento nei confronti del club: il mio dispiacere è doppio».
Sul match contro la formazione sarda Piero Bucchi dice: «Giochiamo contro un’ottima squadra, che ha come obiettivo quello di chiudere tra le prime posizioni della classifica. Dovremo quindi cercare di disputare una buona partita, nel pieno rispetto dei tifosi, della società e della maglia: i giocatori devono trovare dentro di loro le motivazioni, al di là di quello che posso raccontare io. Sono e siamo professionisti e da tali dovremo dare il massimo per onorare l’ultima partita della stagione».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.