Cantù si ributta nell’Eurocup. La vittoria vale il primato solitario

alt

Il coach: «Non possiamo permetterci che qualcuno buchi la partita»

(a.p.) «Ci aspetta una partita vera, la più importante di tutte contro un avversario molto forte come Ostenda ma siamo pronti a giocarcela al meglio che possiamo». Stefano Sacripanti, da buon condottiero, da domenica, subito dopo aver archiviato la vittoria con Pesaro in campionato, sta aspettando sulla collina di Cucciago la Telenet Ostenda per quello che si annuncia come il big match del terzo turno di Eurocup che questa sera alla Mapooro Arena (ore 20.30) mette in palio il primato solitario

del girone A.
«Una bella partita da giocare e sono sicuro anche da vedere ecco perché invito tutti i nostri tifosi al palazzetto. Anche per sostenerci. Confesso – aggiunge – che avrei preferito avere qualche giorno in più per preparare questa sfida contro un avversario del valore della Telenet, vorrà dire che punteremo su pochi concetti ma ben chiari». Più che la mancanza di tempo il coach brianzolo ha dovuto incassare l’assenza certa di Pietro Aradori, che si è infortunato domenica contro Pesaro.
«Per noi – dice il tecnico della Foxtown – è un’assenza pesante perché, oltre ad essere un punto di riferimento e un terminale offensivo importante su cui abbiamo costruito molti dei nostri giochi, Pietro è uno dei giocatori con più esperienza e più abituato a giocare partite così toste. La sua assenza però deve essere uno stimolo per tutti a dare ancora di più. Ecco perché sono curioso di vedere noi stessi senza un elemento così importante come Pietro che soprattutto in coppa sta facendo grandi cose. Avremo le rotazioni ridotte a nove uomini e dovremo essere bravi a trovare nuovi equilibri. Certo non possiamo permetterci che qualcuno buchi la partita ma sono sicuro che anche le seconde linee daranno il massimo perchè per loro è una grande occasione proprio in un match vero come questo». Cantù allo scontro al vertice arriva senza Aradori ma sulla scia di un buon momento.
«Assolutamente sì – ammette il Pino brianzolo – Tolti i 10 minuti che ci sono costati la partita a Sassari veniamo da cinque buone prestazioni in cui abbiamo aumentato la qualità del nostro basket. Inoltre l’ultima gara di coppa a Le Mans ci ha visti protagonisti di una prova di grande sicurezza. Detto questo però oggi andiamo ad affrontare una squadra forte e profonda, ripeto, molto interessante da vedere anche per il pubblico. Perché Ostenda può permettersi due play di livello assoluto, tra i più bravi in circolazione. Djordjevic e Marnegrave sono dei maghi negli assist, bravi a innescare esterni di valore come il top scorer Thompson, Serron e il giovane talento polacco classe 1993 Ponitka, un giocatore interessantissimo, destinato a sbarcare nei prossimi anni nell’Nba».
Senza dimenticare che sotto canestro i belgi possono contare su una batteria di lunghi incredibile, giganti che sanno anche correre come il centro atipico Berggren e Stipanovic, che Sacripanti ha avuto un anno a Caserta. «Un giocatore di cuore e grande concretezza che sta viaggiando a 20 punti a partita. Una squadra molto forte, che in Eurocup ha asfaltato i primi due avversari e che può anche schierare quintetti di altezze e fisicità pazzesche. Ripeto però, per noi è una sfida molto bella che vogliamo giocarci con tutte le nostre armi e davanti al nostro pubblico».
Sulla stessa lunghezza del coach anche il diesse biancoblù Fabrizio Della Fiori: «Indubbiamente per noi quella di oggi è una partita molto importante perché ci offre una grande occasione per ritrovarci in caso di vittoria primi da soli nel girone. Vincere ci permetterebbe oltretutto di capitalizzare al meglio il colpo esterno della settimana scorsa messo a segno a Le Mans».
«Siamo senza Aradori – ha aggiunto -ma non ci piangiamo addosso, anzi per questo contiamo sul nostro pubblico. Ci piacerebbe avere un palazzetto pieno perché abbiamo bisogno più che mai della spinta dei nostri tifosi per battere una squadra come Ostenda».
Questo il programma delle partite del girone A: oggi Foxtown Cantù-Telent Ostenda, Le Mans-Cez Nymburk, Cibona Zagabria-Artland Dragons.
Classifica dopo due turni: Foxtown Cantù, Telnet Ostenda 4; Le Mans, Cez Nymburk 2; Artalnd Dragons, Cibona Zagabria 0.

Nella foto:
Un’azione d’attacco del canturino Michael Jenkins nella gara contro i tedeschi dell’Artland, che ha aperto la stagione in Eurocup della squadra di Sacripanti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.