Capodanno, la Finanza di Como sequestra oltre una tonnellata di petardi

Guardia di Finanza, ingente sequestro di petardi

La Guardia di Finanza di Como ha sequestrato oltre una tonnellata di fuochi d’artificio per un totale di circa 300.000 pezzi, destinati ai festeggiamenti di fine anno. I Baschi Verdi hanno controllato cinque esercizi commerciali tra Como, Villa Guardia, Castelmarte e Merone, gestiti da cittadini italiani e cinesi. Nel corso dell’operazione hanno rilevanto modalità di stoccaggio non rispettose delle misure di sicurezza: il materiale esplosivo era infatti custodito assieme a prodotti altamente infiammabili come riscaldatori, accendini e quadri elettrici.

Inoltre, sono stati riscontrati sistemi di allarme e sicurezza antincendio inidonei e non funzionanti nonostante la presenza di clienti attratti principalmente dagli articoli natalizi.

Tra gli articoli sequestrati dalle Fiamme Gialle, petardi e “botti” dai nomi fantasiosi: magnum Zeus alba, mini ciccioli, bengala a pioggia, Golden volcano, Rambo 200, Platinum, Big flower, Mitraglia tortuga, Storm e Golden Fuji. Tutti prodotti che, seppur a norma di legge, rappresentavano un vero e proprio pericolo per come illecitamente stoccati e commercializzati.

Sei persone, di cui due italiani e quattro di nazionalità cinese, sono accusate del reato di commercio abusivo di materiale esplodente e omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro.

La Guardia di Finanza raccomanda ai consumatori “di porre la massima attenzione sulle condizioni di utilizzo e di stoccaggio degli articoli pirotecnici a rapida accensione e combustione, per evitare i gravi incidenti che ogni anno vedono purtroppo coinvolte centinaia di persone”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.