Carla Giovannone in “Temporary Sciò”

alt

Questa sera a Cantù

Timida, nella sala d’attesa di un’agenzia di lavoro interinale, una donna aspetta il suo turno, aspetta di sapere… cosa sta aspettando. Non è sola, condivide con il pubblico l’incertezza per il futuro e, nell’attesa, racconta e rivive esperienze, incontri e i torti subìti nella sua vita precaria: l’isolamento, i compromessi, ma anche le gioie di un istante. La musica, il canto e il ballo entrano nel “suo” spettacolo come un vento che risveglia e che smuove, portando con sé altre storie

e altre emozioni. Sullo sfondo ci sono il tango, l’esempio e il timore dell’Argentina, la voglia di una riscossa tutta da inventare.
Questa la trama del monologo “Temporary Sciò” – Premio Fersen nel 2012 per la sezione “monologo” – scritto da Paolo Bignami e interpretato da Carla Giovannone (nella foto) che andrà in scena questa sera, alle 21, al Parco del Bersagliere di Cantù. Ingresso libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.