Carola Gentilini, le priorità del nuovo assessore alla Cultura: tappa comasca del Giro d’Italia e le monete romane

Carola Gentilini

Lavorare a testa bassa alla prossima tappa comasca del Giro d’Italia, portare concerti allo stadio Sinigaglia e condurre in porto l’annunciata esposizione del tesoro di Como, ossia le mille monete d’oro di epoca romana rinvenuta la scorsa estate in via Diaz nel cantiere che dalle ceneri dell’ex cineteatro Cressoni sta realizzando un palazzo di appartamenti di lusso. Queste le priorità a breve termine del nuovo assessore alla Cultura di Como, Carola Gentilini.
«Un grazie sincero al sindaco Mario Landriscina per la fiducia che ha riposto in me e alla giunta, con cui spero di lavorare presto. Abbiamo molto lavoro da fare». Mi è stato sottoposto già il tema del bando per gli eventi estivi e ci metteremo subito all’opera, dato che gli impegni da realizzare sono numerosi».
Architetto e direttrice del Museo del Ghisallo, oggi si è ufficialmente presentata alla città come nuovo assessore alla Cultura e al Turismo della giunta di centrodestra che guida Como, prendendo il posto lasciato vacante nei giorni scorsi da Simona Rossotti.
L’assessore si dice favorevole a ospitare concerti allo Stadio. «Ho avuto anche la possibilità di ospitare concerti all’interno del Museo del Ghisallo ed è stata una situazione molto particolare, sono aperta a ogni possibile sperimentazione».
Un altro obiettivo sensibile come detto è trovare una collocazione per le monete romane. Il sindaco ha detto che è stato trovato un accordo con la Soprintendenza, è stata chiesta una somma da mettere a bilancio ed è stata individuata quale sede la caratteristica Chiesetta delle Orfanelle all’interno del Museo Archeologico Paolo Giovio, in piazza Medaglie d’Oro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.