di Adria Bartolich, Opinioni & Commenti

Cellulari in classe: l’esempio della Francia

di Adria Bartolich

La  recente riforma della scuola promossa in Francia  dal governo Macron  adotta addirittura una misura legislativa  per impedire l’uso dei cellulari a scuola. Si tratta certamente di una scelta drastica che cerca di arginare in senso lato l’uso spropositato e certo improprio del cellulare  tra le nuove generazioni, e allo stesso tempo di garantire uno svolgimento meno caotico delle lezioni. Come si sa i cugini d’oltralpe sono mediamente più tranchant di noi, hanno una importante attitudine  rivoluzionaria alle spalle che consente loro di essere più radicali negli interventi, nonché una  lunga tradizione  di  stato centralista che consente di assumere decisioni  valide per tutti in  tempi brevi.  In realtà  già dal 2010, ai tempi del presidente Sarkozy, vige il divieto di utilizzare durante l’attività didattica gli smartphone. Ma il  supporto legislativo, secondo il ministro Jean-Michel Blanquer , rende possibile agli insegnanti il sequestro dell’apparecchio in caso di infrazione. Sembra a prima vista una sciocchezza,  ma in realtà è stato il problema più grosso nell’applicazione del divieto anche nelle nostre scuole, impartito attraverso una semplice circolare ministeriale. Cioè il livello di microconflittualità  che si incrementa sia con gli studenti che con i genitori, al momento in cui si procede con il sequestro dello strumento “illecito”. Impossibile infatti controllare che il cellulare rimanga davvero spento durante le lezioni. Ma anche sequestrarlo prima. E se il ragazzo giura e spergiura che non lo userà, come vietargli di tenerlo?  È o non è un diritto farlo? È un’appropriazione indebita? Per non parlare dei casi in cui si è fiondato a scuola il genitore inferocito, il cui intervento è stato fulmineamente  richiesto dall’alunno  via WhatsApp, che fa una piazzata all’insegnante o al dirigente scolastico. Per intenderci, una legge non risolve il problema, né della dipendenza dallo smartphone dei ragazzi, e a volte anche degli adulti, né metterà fine alle scopiazzature da Internet dei compiti in classe. Però una legge dà certamente una certezza a dirigenti e insegnanti sul  loro diritto di intervenire.  Di questi tempi, considerata la quantità di  rabbia e rancore che  i cittadini di questo Paese esprimono quotidianamente per tutti coloro che lavorano per lo Stato e si fanno carico di  fornire servizi, non sarebbe  poco. Se fossi il ministro ci penserei.

8 settembre 2018

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
settembre: 2018
L M M G V S D
« Ago    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto