Centomiglia del Lario, sfida tra cinquanta scafi

Centomiglia 2020

Torna nel fine settimana un evento “classico” per il Lago di Como e per la motonautica, la Centomiglia del Lario. La manifestazione celebra la sua edizione numero 72.
La prima edizione si svolse nel 1949. Il primo vincitore fu Mario Marzorati, con uno scafo Taroni. Tra i trionfatori, piloti protagonisti del Mondiale di Formula 1 come Renato Molinari (1968, 1972, 1975, 1987) e Guido Cappellini (1999) oltre al compianto Stefano Casiraghi, primo nel 1986 con un entrobordo Abbate-Lamborghini. Lo scorso anno la corsa si chiuse con l’affermazione dei veneti Diego Cardazzo e Gianluca Coltro con lo scafo Qi Composites. Il record assoluto di successi, undici, appartiene a Tullio Abbate, scomparso nell’aprile del 2020. Suo figlio Tullio Junior ha invece vinto per due volte.
Alla gara sono attese una cinquantina di imbarcazioni. Per questa edizione sono state ammesse quelle da diporto, con precise caratteristiche tecniche di competitività. Tra i protagonisti più attesi, Serafino Barlesi, portacolori dello Yacht Club Como – che organizza la manifestazione – già primo in otto occasioni.
La Centomiglia del Lario ospiterà una tappa dei campionati italiani Offshore e Endurance, oltre all’usuale Trofeo Villa d’Este e al Memorial G. Garvin Brown III. Ma non solo: i piloti che hanno partecipato anche alla Pavia-Venezia (altra “classica” della motonautica tricolore) entreranno in una classifica unificata: chi avrà fatto la somma di tempo più basso si aggiudicherà l’apposita coppa.
Una gara che potrà essere seguita facilmente dal pubblico sulle sponde del lago, con il suo percorso che va dalla diga foranea fino a Blevio e a Cernobbio.
Il programma prevede domani dalle 8 alle 13.30 le verifiche amministrative, alle 14.30 la riunione dei piloti e alle 15.30 le prove libere. Domenica alle 11 ci sarà una nuova riunione dei partecipanti con l’aggiornamento sul meteo e alle 14 il momento più atteso, la partenza, con tutti gli scafi lanciati. Al termine la cerimonia di premiazione, che chiuderà l’evento.
Il paddock sarà predisposto nella zona di viale Puecher e ai giardini a lago, con una riduzione dei parcheggi e divieti di sosta per consentire il regolare svolgimento della manifestazione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.