Cercò di investire due carabinieri: fu tentato omicidio

Tribunale di Como, Palazzo di Giustizia

Aveva cercato di investire a più riprese due carabinieri della stazione di Rebbio, dopo aver tentato di scappare in auto lungo via Monte Caprino, arteria viabilistica molto stretta e tortuosa. Una fuga in cui, secondo la Procura di Como, aveva messo in pericolo non solo i due militari dell’Arma, che solo grazie alla loro prontezza di riflessi evitarono il peggio, ma anche i passanti che in quel momento si trovavano a camminare per la via. Un 45enne di Luisago, Antonio Tassone, assistito dall’avvocato Pierpaolo Livio, è stato chiamato a rispondere all’accusa di tentato omicidio patteggiando una pena di 4 anni, 10 mesi e 20 giorni di reclusione. Accordo che è stato ratificato davanti al giudice dell’udienza preliminare Carlo Cecchetti.
I fatti risalgono al mese di gennaio del 2019. Il 45enne, al volante di una Audi A3, fu invitato a fermarsi da una pattuglia dei carabinieri della caserma di Rebbio. Al posto di arrestare la marcia, tuttavia, accelerò e si allontanò a forte velocità percorrendo la via Monte Caprino, che collega Rebbio a Prestino passando sotto la Spina Verde. Una fuga fermata dall’incidente contro un furgone che ne bloccò la marcia. I carabinieri si avvicinarono e proprio in quel momento l’uomo innestò la retromarcia cercando di investirli, per poi riprovarci poco dopo quando i due militari si erano riparati nell’auto di servizio. Il 45enne venne in seguito individuato e arrestato l’aprile successivo in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Nelle scorse ore ha definito la propria posizione patteggiando.
Oltre al tentato omicidio gli è stata contestata anche la resistenza a pubblico ufficiale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.