Cermenate, quattrocento persone in campo per i funerali di Andrea Rinaldi

Andrea Rinaldi funerale

Quattrocento persone, unite ma distanti, come previsto dalle normative anti-contagio durante la pandemia da coronavirus.
Amici, calciatori, rappresentanti delle istituzioni, ragazzi, forze dell’ordine, dirigenti sportivi.
Allo stadio di Cermenate, ieri pomeriggio, sono stati celebrati i funerali di Andrea Rinaldi, calciatore 19enne, la cui vita è stata spezzata lunedì 11 maggio da un aneurisma cerebrale.
Una cerimonia straziante e commovente, che ha reso omaggio alla grande passione di Andrea Rinaldi: il pallone.
La bara, posizionata al centro del campo, è stata coperta da maglie di diverse società e dalla sciarpa del Legnano Calcio. Particolarmente toccante il saluto della sorella di Andrea: «Sono qui per prometterti che sarò forte. Darò forza alla mamma e al papà, alla nostra famiglia, agli amici. Prometto che ti porterò sempre con me».
Il giovane calciatore di soli 19 anni in forza al Legnano, era stato colpito da un aneurisma cerebrale, mentre si trovava nella sua casa di Cermenate.
Classe 2000, nato a Carate Brianza, cresciuto nella giovanili del Monza, poi passato nella Primavera dell’Atalanta, Rinaldi militava nella prima squadra dei lilla, impegnato nel campionato di serie D; per via delle disposizioni anti Covid si allenava a casa, e proprio mentre era impegnato nella seduta di preparazione ha accusato il malore.
Per tre giorni ha lottato all’ospedale di Varese dove si trovava ricoverato nel reparto di rianimazione, prima di spegnersi, lunedì 11 maggio.
Ieri come detto l’ultimo saluto al calciatore comasco. Il funerale era stato posticipato in previsione di un largo afflusso che non avrebbe permesso il rispetto delle norme anti-Covid-19.
Di qui la decisione di rinviare alla giornata di ieri la cerimonia in un luogo dove gli spazi ampi hanno permesso di dare l’estremo saluto al giovane calciatore in condizioni di sicurezza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.