Cinghiali, il nuovo allarme della Coldiretti. Rischi anche per la viabilità provinciale

Cinghiale

«I cinghiali rappresentano un grave pericolo per le imprese agricole, ma anche per la sicurezza dei cittadini. L’incidente mortale avvenuto sull’A1 ci riporta a parlare di un problema drammatico: incidenti gravi non sono mancati, purtroppo, nemmeno sulle strade dell’area lariana». Fortunato Trezzi, presidente di Coldiretti Como-Lecco, riporta l’attenzione su una questione più volte dibattuta.
Viene richiesta «una nuova fase di confronto per risolvere una volta per tutte il problema – si legge nella nota di Trezzi – ormai non è più possibile procrastinare, i selvatici sono diventati un flagello e un pericolo». Danni e cinghiali sarebbero «aumentati a dismisura».
Anche durante le festività erano stati colpiti i prati montani dell’Intelvese, nonché le zone di Menaggio e Porlezza (nell’area intorno al lago di Piano è esponenziale anche la presenza invasiva dei cervi), oltre a Lecchese e Altolago, con invasioni anche in pianura.
C’è poi il fronte della sicurezza stradale: «L’escalation dei danni, delle aggressioni e degli incidenti che causano purtroppo anche vittime, è il risultato della incontrollata proliferazione degli animali selvatici» dice Trezzi. Sono diverse centinaia gli incidenti causati da animali nelle province di Como e Lecco negli ultimi anni. In particolare la sera e la mattina presto. «Una gran parte di sinistri non viene nemmeno segnalata dagli automobilisti. Siano censite le zone e le strade più a rischio e si intervenga con decisione, una volta per tutte» chiude il presidente.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.