Como, ampliamento gratuito anche per i chioschi-bar

Uomo con mascherina

Dopo le aree di dehor, anche i chioschi-bar possono richiedere l’ampliamento temporaneo gratuito delle aree pubbliche adiacenti (piazze, marciapiedi, …) perché possano riprendere l’attività nel rispetto delle nuove misure di sicurezza. La giunta comunale ha deliberato oggi la possibilità e le modalità per farlo, in modo da sostenere la progressiva ripresa di questi esercizi dopo il periodo di lock down.

Le nuove concessioni e gli ampliamenti sono soggetti però a precise condizioni. L’area richiesta dovrà essere prospiciente/adiacente la propria attività, deve esserci il rispetto delle disposizioni del Codice della strada in materia di aree di pubblico passaggio e di transito dei mezzi di soccorso e rispetto dei diritti dei terzi. Vietata l’occupazione di stalli di sosta riservati ai residenti. I richiedenti devono essere stati regolari nel pagamento della Cosap fino al 2019. Non sono comprese le zone di viale Cattaneo e viale Battisti limitatamente ai giorni di martedì, giovedì e sabato ovvero quando tiene il Mercato Mercerie.

«Si tratta di un atto fondamentale per consentire ad esercenti che hanno sofferto e soffrono per l’emergenza di poter avviare una ripartenza», ha spiegato l’assessore al Commercio Marco Butti.

I chioschi-bar sul territorio comunale ad oggi sono 16 e si trovano sotto le mura nell’area del mercato mercerie, in prossimità di giardini e parchi pubblici, sul lungolago.

Le domande possono essere presentate tramite il portale impresainungiorno.gov.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.