Como: coltello alla gola della sorella e maltratta la madre, in carcere uomo di 40 anni

Palazzo di giustizia, tribunale di Como (via Cesare Battisti)

«È un bravo ragazzo, mi vuole un mondo di bene», ha continuato a ripetere la madre per lungo tempo. Solo che l’abuso di alcol aveva da tempo iniziato a sconvolgere la vita di una famiglia di Como, con il figlio – 40 anni – ormai incapace di trattenersi in una escalation di vessazioni e maltrattamenti in famiglia che hanno costretto la Procura della Repubblica, dopo una indagine della squadra Mobile coordinata dal pm Massimo Astori, a chiedere la custodia cautelare in carcere per l’uomo.

Fatti che si sarebbero concentrati negli ultimi mesi, dal novembre del 2020 all’aprile di quest’anno. Nessuno scompenso psichiatrico – secondo il consulente della procura – ma una situazione che è andata via via aggravandosi, un po’ per la disperazione di non riuscire a trovare un lavoro. un po’ per l’abuso di sostanze alcoliche che giorno dopo giorno ha portato a sconvolgere la mente del 40enne condizionando pesantemente anche la vita della madre e della sorella.

L’articolo sul Corriere di Como in edicola oggi, sabato 17 aprile

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.