Como-Frosinone, sfida delicata al Sinigaglia. Gattuso: «Non dobbiamo avere cali di tensione»

Como Ascoli

Dopo l’inevitabile delusione per una partita ben giocata e combattuta ma finita con la prima sconfitta stagionale contro l’Ascoli – ko che peraltro è arrivato all’esordio casalingo – il Como vuole rialzare la testa e si prepara alla seconda gara sul terreno del Sinigaglia. Questa sera alle ore 18 i lariani affronteranno il Frosinone allenato dal campione del mondo, Fabio Grosso, colui che fece esultare l’Italia intera segnando ai Mondiali nel 2006 nella finalissima di Berlino il rigore decisivo contro la Francia.
«Affrontiamo una delle squadre che punta alla serie A – ha detto alla vigilia del match il tecnico lariano, Giacomo Gattuso – si tratta di una formazione organizzata con nomi importanti. Ma anche noi siamo forti: il campo lo sta dicendo. Con l’Ascoli abbiamo offerto un’ottima partita, la prestazione c’è stata ed è mancato soltanto il risultato positivo».
«Ma siamo sulla strada giusta – ha sottolineato ancora l’allenatore – Lo vedo quotidianamente negli allenamenti e in ogni partita. Si vede quello che stiamo dando; spiace per lo stop con i bianconeri, ma la squadra è viva. La prova che abbiamo offerto mi fa ben sperare: non soltanto per l’impegno con i gialloblù ma per la prosecuzione del campionato».
Tutti a disposizione dell’allenatore azzurro per la sfida odierna. «Ho l’imbarazzo della scelta – ha confermato il mister – Cambiare è sempre un po’ pericoloso, ma non dobbiamo dimenticare che poi torneremo a giocare martedì nella trasferta di Cosenza. Quindi ci potrebbe essere un po’ di turnover».
«L’importante è che il Como stia bene in campo, che sia organizzato – ha concluso Gattuso – La tensione non deve mai calare, perché in serie B ogni errore non ti viene perdonato. In ogni momento è necessario essere sul pezzo, a livello mentale, capire che qualunque situazione va interpretata al meglio».
Da parte sua Fabio Grosso, allenatore del Frosinone, ha presentato la partita con queste parole: «Il nostro proposito è essere più efficaci rispetto alle prime uscite. Dovremo essere pronti per una gara di livello alto, con una formazione importante, che non meritava di perdere nell’ultima uscita casalinga contro l’Ascoli. La troveremo vogliosa di fare risultato, ma lo stesso vale per noi: chi lavorerà meglio sui dettagli potrà uscire dal campo con i tre punti».
Il campione del mondo di Italia 2006 ha fatto riferimento anche ai suoi trascorsi comaschi, da visitatore della città, e da giocatore. «Como è molto bella, e venivo sempre volentieri quando ero a Milano all’Inter. Ci sono passato da turista e da giocatore, con le maglie di Perugia e Palermo. Ho ricordi positivi di tanti anni fa. Ora tornerò in altre vesti e mi auguro di poter avere un ulteriore ricordo positivo dalla partita che verrà».
La sfida tra Como e Frosinone apre la quarta giornata di serie B. Alle 20.30 seguirà il match tra il Brescia e il Crotone.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.