Coronavirus, l’aggiornamento: quaranta casi nel Comasco. Accelerazione del contagio in Lombardia

Nella notte un'altra vittima

Brusca accelerazione del contagio in Lombardia. Il totale dei casi positivi al Coronavirus è salito a 5.469, 1.280 in più del giorno precedente. In totale sono 440 i ricoverati in terapia intensiva e il numero dei decessi è arrivato 333.
Preoccupano le province di Bergamo, Brescia e Cremona, dove in un giorno i casi positivi sono aumentati di circa 250 unità per ogni territorio. Attualmente, la zona con il più alto numero di contagi è quella di Bergamo, a quota 1.245. Contenuto l’aumento a Milano, cento in più in un giorno (506 in totale), dato basso se si considera la densità abitativa e l’estensione della provincia milanese.
Notizie parzialmente positive invece dal fronte del primo focolaio: a Lodi la crescita dei contagi ha rallentato, come ha sottolineato in diretta su Facebook l’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera. E proprio l’assessore Gallera ha ribadito l’appello ai comportamenti responsabili e al rispetto delle norme varate con il Decreto dell’8 marzo, con il quale si chiude la Lombardia e si limitano gli spostamenti allo stretto indispensabile.
Infine, la situazione di Como. In base agli ultimi dati disponibili, Como è la seconda provincia – dopo Sondrio – con il minor numero di contagi: 40 casi, 13 in più di domenica. Questa la divisione per comuni: Como (5 casi), Erba (4), Cadorago, Canzo, Montano Lucino (3), Arosio, Casnate con Bernate, Cermenate (2), Mariano Comense, Musso, Novedrate, San Siro, Turate, Inverigo, Asso, Luisago, Lipomo, Bregnano, Brenna, Carugo, Castelmarte, Eupilio, Fino Mornasco, Guanzate (1).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.