Coronavirus, un avvocato si “autosospende”. Era stato nella zona rossa

Tribunale di Como l'aula

Udienze in bilico tra la normalità e qualche preoccupazione, nella giornata di ieri. All’ingresso, le guardie della sicurezza del Palazzo di Giustizia chiedevano alle persone la provenienza, per fornire – in caso di arrivo dalle zone più a rischio di contagio come il Lodigiano – una mascherina per poter accedere al tribunale. Non ce n’è stato bisogno, a dire la verità. Un avvocato che era stato nella zona incriminata, si è infatti “autosospeso” prima di giungere a Como, inviando una comunicazione al giudice monocratico e spiegando l’impossibilità ad essere presente in quanto in quarantena. L’udienza (di smistamento) è comunque proseguita, con la nomina di un avvocato d’ufficio.
Il programma delle udienze è stato in ogni caso portato a termine regolarmente senza alcuno scossone, tra le solite attese nell’atrio e le aule affollate, con anche detenuti trasportati dalle carceri di Pavia e Bergamo. De segnalare, come curiosità della mattinata, una avvocatessa molto scrupolosa che – raffreddata – ad ogni starnuto si proteggeva con un fazzoletto di carta che poi veniva chiuso in un sacchetto di plastica trasparente e riposto nella borsa. Ovviamente il rito, ripetuto più volte, veniva concluso da una “noce” di gel disinfettante spalmato sulle mani.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.