Da domani gli sfrattati di Muggiò sono al Palasampietro

altIl palasport di Casnate
Il sindaco Lucini: «Non c’erano possibilità per un nuovo impianto in tempi ragionevoli»

La situazione disastrosa delle strutture sportive di Como e l’impossibilità di recuperare il palazzetto di Muggiò riaccendono il Palasampietro. Chiusa dal maggio del 2011, la struttura di Casnate con Bernate da domani tornerà ad ospitare allenamenti e partite, al momento di basket ma presto, probabilmente, anche di altre discipline sportive.
I Comuni di Como e Casnate hanno siglato una convenzione con una (prima) scadenza a

giugno del 2015. Per Palazzo Cernezzi il costo dell’intera operazione, al netto di alcuni interventi di manutenzione fatti sulla struttura, è di circa 65mila euro.
L’accordo prevede che la struttura, da oggi nella piena disponibilità del Comune di Como, sia concessa per 12 giornate all’anno all’amministrazione di Casnate e per 14 alla Comense.
Inaugurato nel 1990, il palazzetto di Casnate dispone di circa 2mila posti. «Far rivivere il Palasampietro è un momento di grande gioia – ha sottolineato Antonio Pennestrì, storico presidente della Comense – Dedico questo momento ai sindaci di Como e Casnate, con i rispettivi assessori, che hanno permesso questo risultato. E lo dedico, mi sia permesso, a me. Con i miei mezzi, assieme a quelli dei signori Sampietro, lascerò in eredità per tanti lustri un magnifico impianto sportivo».
A Casnate, per il momento si alleneranno e disputeranno le partite le due società di basket che avevano come punto di riferimento il palazzetto dello sport di Muggiò, l’Albatese e l’Antoniana. Gli altri gruppi sportivi hanno trovato invece casa nelle palestre di alcuni istituti scolastici. «Siamo in contatto con altri gruppi sportivi, sempre per il basket e per l’atletica – ha precisato l’assessore allo Sport di Como, Luigi Cavadini – Se altri fossero interessati, saremo aperti a valutare ogni possibilità».
L’accordo prevede una tariffa oraria di 10 euro per le attività giovanili e di 20 per gli sportivi over 14.
«La scelta di spostarci a Casnate deriva da una nostra carenza che dobbiamo riconoscere – ha detto il sindaco di Como Mario Lucini – Non c’è alcuna possibilità di riuscire in tempi ragionevoli a rendere fruibile il palazzetto di Muggiò o un nuovo impianto. Questa dunque è una soluzione ideale e di grande qualità per le nostre società sportive. Mi sembra anche un modo per ottimizzare le risorse e gestire in modo corretto il patrimonio pubblico».
Fabio Bulgheroni, sindaco di Casnate con Bernate, guarda già al futuro. «Quando le amministrazioni, anche di colori diversi, si mettono assieme per il bene comune, una soluzione si trova sempre. Si tratta di passi da mantenere per il bene dei nostri ragazzi. Questa è un’area importante, potremmo valutare l’idea di far diventare il Palasampietro un centro sportivo provinciale di eccellenza».
La struttura potrebbe essere destinata anche a manifestazioni non sportive. «L’impianto si presta anche ad altri utilizzi – ha concluso Mario Lucini – Potremo dunque valutare l’opportunità di ampliare l’utilizzo in modo da sfruttare al meglio la struttura anche per eventi non sportivi».

Anna Campaniello

Nella foto:
Torna a vivere il palasport di Casnate che ha ospitato fino al 2011 i successi nazionali e internazionali del Pool Comense

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.