Devastante rogo in concessionaria. Distrutte 13 minicar e una moto

Cassina Rizzardi
Un devastante incendio, nel corso della notte, ha mandato in fumo un patrimonio di 13 minicar di varie marche, oltre a un motorino. Mezzi, le minicar, che è possibile guidare anche prima di aver raggiunto la maggiore età, in quanto assimilate a un motociclo, e dunque assai in voga tra i giovani.
Le vetture erano tutte parcheggiate all’interno del piazzale della concessionaria “Aixam” di via Manzoni a Cassina Rizzardi.
Gli inquirenti sembrerebbero non avere dubbi sulla matrice dolosa

dell’eclatante gesto, anche se non sarebbero stati trovati gli inneschi da cui sarebbero poi partite le fiamme e tanto meno il liquido infiammabile usato. L’assalto alla concessionaria è andato in scena nel corso della notte, tra l’una e le due. I malviventi – ovviamente ancora ignoti – si sarebbero introdotti nel piazzale in cui si trovavano parcheggiate, una accanto all’altra, le minicar. Qui sarebbe stato appiccato l’incendio.
Il rogo – divampato in pochi attimi – ha poi completamente liquefatto ben 13 auto, lasciandone sono lo scheletro. Questi mezzi, infatti, sono costruiti con un’alta percentuale di componenti plastici che dunque sono stati “aggrediti” e devastati dalle fiamme. A farne le spese, poi, anche un motorino parcheggiato nei pressi delle minicar. Difficile, al momento, quantificare i danni che sono comunque ingenti.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Como e Appiano Gentile che hanno fatto quanto potevano per cercare di limitare la diffusione dell’incendio che aveva già iniziato ad aggredire la facciata della concessionaria di Cassina Rizzardi.
In via Alessandro Manzoni, per un primo sopralluogo, sono giunti anche i carabinieri della stazione di Fino Mornasco che hanno poi inviato la segnalazione sull’accaduto alla procura cittadina. Anche i titolari della concessionaria sono stati sentiti dai militari dell’Arma e avrebbero riferito di non aver subìto, in precedenza, alcun tipo di minaccia.

Mauro Peverelli

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.