Dimesso l’ultimo paziente, l’ospedale di Cantù è “Covid Free”

Il personale dell'ospedale di Cantù che ha lavorato nei reparti Covid in questi mesi

Dopo oltre quattrocento pazienti ricoverati e duecento otto giorni dopo la sua apertura, oggi all’ospedale di Cantù sono stati dimessi gli ultimi pazienti Covid ricoverati nel reparto Multidisciplinare. L’area, dallo scorso 26 ottobre, era stata destinata insieme alla Week-Day Surgery, chiusa due settimane fa, all’accoglienza di pazienti Covid. Venerdì scorso a chiudere e a tornare “pulita” era stata la Rianimazione, dopo la dimissione dell’ultimo paziente Covid. Carla Bassino, come referente medico del reparto, ed Antonio Paddeu, come responsabile medico, sono i due professionisti che insieme alle coordinatrici infermieristiche Mariantonia Frigerio e Patrizia Coeli, hanno seguito la degenza e la cura dei pazienti.

“Ringrazio tutto il personale che in questi lunghi mesi si è impegnato nell’assistenza e nella gestione dei tanti malati che abbiamo accolto – osserva Elena Amina Scola,  responsabile della Direzione medica del presidio di via Domea – Con fatica ma grazie all’impegno di ognuno è stato possibile garantire con professionalità un’assistenza multidisciplinare, che ha visto coinvolte tutte le specialità rappresentate nel nostro ospedale”.

“Il contributo offerto dal presidio canturino a partire dalla seconda ondata della pandemia ha potenziato la capacità di contrasto all’emergenza infettivologica complessivamente messa in atto dal network ospedaliero di Asst Lariana – sottolinea il direttore generale Fabio Banfi – Questa esperienza è la migliore dimostrazione che l’ospedale di Cantù detiene tutte le caratteristiche di una struttura dedicata alla gestione di pazienti acuti con le dotazioni adeguate per gestire la domanda sanitaria espressa da un bacino territoriale considerevole. Asst Lariana lavora su fattori di sviluppo e ulteriore consolidamento della struttura canturina”. 

Eventuali pazienti Covid che dovessero necessitare di un ricovero verranno inviati dall’ospedale di Cantù all’Hub Covid di riferimento che è l’ospedale Sant’Anna.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.