Docenti, assunzioni e il mistero dei numeri

opinioni e commenti di adria bartolich

di Adria Bartolich

Da un recente dossier pubblicato dalla Cisl Scuola, reperibile su Internet,  sull’andamento delle assunzioni  e del precariato, emergono dei dati interessanti e  al contempo particolarmente  preoccupanti. Dallo studio infatti  si ricava che, se nei primi cinque anni dell’ultimo decennio, le assunzioni nella scuola sono state  circa 100.000, negli ultima quattro anni sono  salite a circa 190.000. Quasi il doppio. Certo, nel frattempo è stata introdotta “Quota 100”, con pensionamenti anticipati, che nella scuola sono stati abbondantemente sotto le 10.000 persone. Ci mettiamo anche un po’ di opzioni donna, cioè la misura che dà la possibilità alle donne di uscire anticipatamente con una decurtazione di quasi di 1/3 della pensione, quindi in condizioni non particolarmente vantaggiose, e perciò utilizzata con particolare cautela. Rimane però da capire cosa non funzioni nella programmazione del Miur per i  dipendenti della scuola. Infatti, se nel 2011, in anni di piena crisi economica, le assunzioni  procedono a una media di circa 20.000 all’anno, con punte più alte e più basse, ma che comunque possiamo definire quasi fisiologiche, la ragione per cui  a partire dal 2016/17  la media delle assunzioni annuali  quasi raddoppia, attestandosi attorno ai 47.000 (arrotondata per difetto) resta francamente un mistero. E il fenomeno è ancora più inspiegabile se, alla cospicua media degli ultimi quattro anni,  aggiungiamo la storica assunzione di  102.734 precari effettuata dal governo Renzi  con la Buona Scuola nel 2015, con il conseguente azzeramento di molte graduatorie ad esaurimento, che porta il totale complessivo negli ultimi cinque anni  alla ragguardevole cifra  totale di 291.134 e alza la  media annuale  dai circa 20.000 all’anno del  primo quinquennio ai quasi 60.000 (58.351 per l’esattezza) attuali. Si dirà che l’obiettivo, assolutamente encomiabile, era la riduzione del precariato, ma poi  se andiamo a vedere i dati relativi ai supplenti annuali, gli incarichi cioè che attribuiscono gli ex provveditorati  e sono solo una parte delle supplenze (poi ci sono quelle con la chiamata effettuata dai dirigenti )  vediamo che aumentano anche queste. Se nel 2010/2011 sono 115.700 (con le assunzioni quasi bloccate dalla crisi) , nel 2018/2019 sono state 155.000 e comunque sempre in incremento dall’anno della Buona scuola. Certo, sarebbe interessante vedere anche come sono  distribuite sia le assunzioni che le supplenze, altrimenti siamo alla famosa media del pollo, ma questo non lo sappiamo. Però la  domanda nasce  spontanea: cos’è successo?  Specialmente  se pensiamo che il numero degli alunni è diminuito. E soprattutto, dove sono, visto che qui battagliamo ancora per avere gli insegnanti di sostegno e i supplenti?

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.