È appeso a un filo il futuro del Politeama

opinioni e commenti di lorenzo morandotti

di Lorenzo Morandotti

C’è un luogo a Como dove il tempo sembra essersi fermato, ma è solo apparenza. È in bilico tra passato e futuro. Uno stallo che potrebbe finire dopo l’estate.  Lo scorso febbraio i cronisti di “Corriere di Como” ed Espansione Tv hanno realizzato in esclusiva un viaggio all’interno del “grande malato” della cultura, della musica e dell’arte a Como, il Politeama. Lo storico teatro cittadino ha quasi 110 anni di storia. È il primo edificio comasco con parti strutturali in calcestruzzo armato, edificato tra il 1909 e il 1910 in piazza Cacciatori delle Alpi, su progetto dell’architetto Federico Frigerio, lo stesso del Tempio Voltiano ai giardini a lago. Alfredo Gaffuri, ultimo proprietario, morto il 19 dicembre 2000, lo ha lasciato al Comune di Como. La struttura, già pesantemente segnata dal tempo e dall’assenza di periodiche e straordinarie manutenzioni, è stata chiusa definitivamente nel 2005. Nelle scorse ore una cordata di imprenditori, grazie all’intercessione di un musicista comasco di fama internazionale come il tenore Marco Berti, si è affacciata manifestando il proprio interesse per l’immobile, messo in vendita dalla Società Politeama di cui il Comune detiene la maggioranza delle quote.  Una notizia di speranza in un clima fosco, dato che le condizioni di abbandono e degrado dello storico cineteatro sono evidenti. Sono soprattutto i cementi armati  a preoccupare. Se le infiltrazioni di umidità hanno agito nel profondo l’affare rischia di sfumare. Siamo appesi insomma al filo di perizie, controlli, verifiche strutturali che potrebbero decretare il pollice alzato o abbassato. Una struttura che merita un destino culturale come ha profetizzato il film di Paolo Virzì “Il capitale umano” (uscito in Italia nel gennaio del 2014 e candidato all’Oscar), dove una donna ricca ma frustrata, interpretata dalla bravissima Valeria Bruni Tedeschi, vuole investire per salvare la struttura dalla rovina. E la sfida è a più stadi. Una volta acquisito dovrà esserci un concreto interesse da parte della società civile perché il Politeama rimanga fedele alla propria natura originaria: cultura, musica e teatro.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.