Emergenza Covid, l’appello di Gaddi su Facebook per non saturare le terapie intensive

Sergio Gaddi #iorestoacasa

“Per quanto comprensibili, drammatiche e violente, tutte le nostre necessità lavorative, fisiche e psichiche si possono raggiungere solo se si è vivi. Da morti non si può. E non in senso metaforico”.

Inizia così l’appello di Sergio Gaddi, già assessore a Cultura e Turismo di Como e ora curatore di mostre internazionali con il gruppo Arthemisia, sulla sua pagina Facebook.

“Non venitemi a parlare di “morti di fame” per altri motivi, per quanto veri e tremendi. La morte è solo quella fisica. Punto. Quindi, il dato vero è solo uno: il numero di posti in terapia intensiva. In un paese civile non possiamo permetterci che finiscano. Bisognava provvedere prima? Certo. Politici, presidenti di regioni e burocrati vari non l’hanno fatto? Ok. Però intanto l’obiettivo da raggiungere oggi è quello di non saturare quei posti. A costo di qualsiasi sacrificio”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.