Fatto di sangue in Canton Ticino: un 64enne uccide l’ex moglie, un uomo e poi si toglie la vita

I mezzi della polizia cantonale

Un fatto di sangue, oggi in Canton Ticino, con tre morti. Poco dopo le 14, all’interno di un esercizio pubblico in piazza Grande a Giubiasco un 64enne ex agente della Polizia cantonale domiciliato nel Locarnese e in pensione da alcuni mesi, è entrato nel locale, sparando con una pistola, per cause che spetterà all’inchiesta stabilire, a un 60enne e alla moglie dalla quale era separato, una 47enne. Entrambi, cittadini svizzeri e residenti nel Bellinzonese, sono deceduti sul posto a causa delle gravi ferite riportate. Il 64enne si è infine a sua volta sparato ed è morto dopo pochi minuti.

Sul posto oltre ad agenti della Polizia cantonale e, in supporto, della Polizia comunale di Bellinzona, sono intervenuti i soccorritori della Croce Verde di Bellinzona. Per consentire le verifiche e i rilievi del caso, l’intera zona è stata isolata e messa in sicurezza. L’inchiesta per chiarire le cause del fatto di sangue è in corso ed è coordinata dal procuratore pubblico Roberto Ruggeri. La stampa ticinese ipotizza che si tratti di una tragedia per motivi passionali.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.