Festival dei sapori di lago con il nuovo “Gastrolario”

Piatti di cucina lariana

Una partenza con successo quella che ha fatto registrare nel primo fine settimana di ottobre la terza edizione della rassegna “Gastrolario”, che da quest’anno si concentra sui sapori d’acqua dolce e ha tra i media partner “Corriere di Como” ed Espansione Tv. Fino al 31 ottobre, un festival dei sapori comaschi tutto dedicato al missoltino e al pesce di lago.
Venticinque i ristoranti che hanno aderito e che propongono in questa maratona culinaria piatti unici e menù degustazione con i prodotti tipici della cucina del lago, proposti in versione classica o rivisitata dagli chef.
Il re è naturalmente il missoltino, il più tipico dei prodotti del nostro lago, affiancato dal superclassico persico col riso in cagnone, dal lavarello al burro e salvia, in carpione o in salsa verde, dal paté di cavedano e dai tanti altri piatti tipici della nostra cucina.
Il patron della manifestazione, Claudio Bizzozero, è soddisfatto della partenza del tour gastronomico. «In novembre partiremo con un altro mese e altri 25 locali per carni in umido e bolliti tipici della cucina brianzola, il titolo è “GustoBrianza”».
Ora invece ci si concentra sull’ottobre “laghée”. «I locali permettono di soddisfare ogni palato: si va dalla cucina tradizionale di osteria a quella ricercata del ristorante gourmet – dice Bizzozero – Siamo partiti molto bene, con ottimi riscontri tra ristoratori e pubblico, con un ottimo flusso di prenotazioni in rete e con tutti i locali che hanno lavorato, senza particolari differenze. Tutti i ristoranti aderenti lavorano a buon regime e con anche gruppi numerosi e comitive, questo significa che la formula è azzeccata». Non è una passerella o una vetrina ma un trampolino di lancio che richiede lavoro e impegno: «I ristoranti devono studiare menu dedicati e premieremo soprattutto chi difende la tradizione – dice Bizzozero – e rispetta al massimo la filiera a impatto e chilometro zero. Nasciamo allo scopo di valorizzare la tipicità locale: i pesci sono di provenienza lariana, al massimo lombarda, ci teniamo a dirlo, non sono “stranieri”».
come si partecipa
Sul sito della rassegna, www.gastrolario.it, si sceglie quali ristoranti visitare, quali piatti gustare e che giudizio dare ai piatti assaggiati. Compilando poi l’apposita scheda di valutazione online, si potranno selezionare i piatti d’eccellenza della cucina lariana e i più fortunati potranno essere sorteggiati per vincere una cena di lago. E per i più curiosi, un lungo viaggio di un mese, alla scoperta dei nuovi piatti creati dagli chef aderenti nel solco della tradizione.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.