Fiera di Alzate Brianza, occasione di ripartenza

Fiera Alzate Brianza 2019

Ad Alzate Brianza dal 4 al 6 settembre torna la “Fiera secolare di settembre della Madonna di Rogoredo”, in concomitanza con la festività religiosa della Nascita della Beata Vergine Maria, l’8 settembre, evento che si svolge lungo le vie circostanti il Santuario omonimo.
Un evento religioso ma anche culturale e di forte impatto sociale ed economico e che si vuol far ripartire in presenza come forte segno di ripartenza del territorio dopo la pandemia.

«La Fiera di Alzate è un riferimento per tutto il territorio, un esempio, un volano per l’economia provinciale, una vetrina dell’economia agricola della zona». Parole di Giovanni Pontiggia, presidente della Bcc Brianza e Laghi, la banca del territorio che fin dagli anni ’50 è sponsor della manifestazione. «Siamo stati partner storici della fiera di settembre fin da dalle origini e vogliamo consolidare la nostra presenza – dice Pontiggia – a fianco dell’amministrazione comunale e delle varie associazioni coinvolte, lavoriamo da mesi per una perfetta riuscita dell’evento, si tratta di un appuntamento ultracentenario che negli anni è diventato via via un punto di riferimento dal punto di vista anzitutto religioso ma anche come attrattiva culturale ed economica per tutto il Comasco e anche oltre i confini della provincia».

La pandemia ha avuto lo stesso effetto di una guerra, si dice. E in effetti la fiera nella sua lunga storia ha subito stop solo davanti a eventi di portata nazionale e internazionale, come appunto conflitti mondiali o emergenze sanitarie come il coronavirus.
«Ma subito dopo il secondo conflitto mondiale – ricorda il presidente Pontiggia – è stato uno dei primi eventi che è ripartito e ha saputo subito rilanciarsi e tornare a vivere come momento di ritrovo per la nostra gente. Dobbiamo tornare a quello spirito, naturalmente nel rispetto delle limitazioni con cui avremo a che fare. Ma è fondamentale che la fiera del 2021 si tenga, e che dia un forte segnale di ripartenza, lo stesso concetto che da mesi la nostra banca promuove sul territorio. Un termine che è ben diverso dal semplice “rilancio” dato che la pandemia ci impone di partire appunto di nuovo, con paradigmi nuovi e con un nuovo modo di pensare anche questo genere di appuntamenti».

Pontiggia è stato chiamato dal sindaco di Alzate Brianza Mario Anastasia a far parte del comitato organizzatore dell’evento che sta lavorando a definirne il calendario in tutti i suoi aspetti. «Ringrazio il primo cittadino per la fiducia – dice il presidente della Bcc Brianza Laghi – Il nostro apporto oltre che sul piano del sostegno economico come banca vuole essere anche un contributo di idee e di contenuti. Penso che dobbiamo insistere con forza nel recuperare nella fiera secolare di Alzate iniziative di tipo culturale, ad esempio valorizzando le piazze della località lariana per ospitarvi momenti musicali, ma penso anche a momenti di riflessione come conferenze e convegni dedicati al rilancio del settore agricolo, dato che la fiera ha anche una notevole importanza per il settore zootecnico. Non dovrà mancare una riflessione sul tema della solidarietà sociale e neanche un mercatino sulle tradizioni di prodotti locali nel centro del paese. Con queste e altre iniziative dovremo stimolare la ripartenza del territorio e far tornare nelle comunità il senso di appartenenza al territorio stesso. La fiera è stato ed è un autentico fiore all’occhiello non soltanto per il paese di Alzate Brianza, ma per il mondo fieristico regionale, un esempio virtuoso di resilienza e ripartenza che merita visibilità e attenzione».

Giovanni Pontiggia
Giovanni Pontiggia, presidente Bcc Brianza Laghi
fiera Alzate Brianza
La fiera di Alzate Brianza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.