Fingono un incendio e le fanno mettere gioielli e soldi nel frigo per poi rubarli

Anziana donna raggirata a Rovello Porro

(l.o.) Per truffarla hanno utilizzato uno dei sistemi più vecchi e diffusi: si sono presentati come incaricati dell’Enel. Una messinscena studiata ad arte grazie alla quale sono riusciti a impossessarsi di ori, preziosi e di tutti i contanti che l’anziana signora aveva nella propria abitazione, a Rovello Porro.
Senza rendersene conto, la pensionata ha visto sparire i ricordi di una vita nelle mani di due individui che, in men che non si dica, si sono volatilizzati nel nulla.
Al citofono

della palazzina di via Vittorio Veneto, l’altra mattina, si sarebbero presentati in due. Avrebbero dichiarato di essere dei tecnici incaricati dalla società per un controllo dell’impianto elettrico dell’appartamento.
Evidentemente le loro parole sono state talmente convincenti al punto che la donna ha aperto la porta e li ha fatti entrare in casa. Una volta dentro l’appartamento, i due avrebbero sì fatto finta di controllare l’impianto, ma con tutt’altro obiettivo che verificarne le criticità.
A quanto sembra, i due truffatori erano in possesso persino di ricetrasmittenti con le quali si sarebbero messi in contatto con una terza persona, ovviamente un complice, che avrebbe confermato addirittura un principio di incendio. Approfittando di quella situazione di pericolo creata ad hoc, avrebbero consigliato alla pensionata di abbandonare l’appartamento. Non prima però di averle fatto mettere tutti i suoi averi nel frigorifero perché, a loro dire, lì si sarebbero conservati a lungo.
La donna avrebbe seguito il loro consiglio e dentro il frigorifero della sua abitazione avrebbe messo ori, preziosi e tutti i contanti che aveva in casa. Non appena l’anziana signora ha chiuso lo sportello e si è allontanata, i due truffatori l’hanno riaperto e si sono impossessati di tutto ciò che la pensionata vi aveva messo pochi minuti prima. Quando la signora si è resa conto di essere stata vittima di un raggiro, era ormai troppo tardi: i due, con tanto di complice, avevano già lasciato l’appartamento. E insieme a loro si sono volatilizzati i ricordi di una vita.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.